Home > Rockwell Automation: 250 impieghi a rischio ad Aarau

Rockwell Automation: 250 impieghi a rischio ad Aarau

19.09.2017 - aggiornato: 19.09.2017 - 18:24

Il gruppo industriale americano Rockwell Automation potrebbe sopprimere circa la metà dei suoi 500 impieghi in Svizzera: lo riferisce l'organizzazione Impiegati Svizzeri, secondo cui è interessato principalmente lo stabilimento di produzione di Aarau.

Rockwell non vuole per ora confermare le cifre, limitandosi ad indicare in una presa di posizione che sono previsti cambiamenti nella strategia di produzione. Una parte di questo adeguamento comprende la delocalizzazione progressiva della produzione dal capoluogo argoviese verso altri siti.

Secondo una nota di Impiegati Svizzeri i licenziamenti sono previsti a partire da metà 2018; la maggior parte sarà pronunciata nel 2019, mentre nel 2020 il processo dovrebbe essere concluso. Una parte dei posti di lavoro potrebbe essere trasferita in Polonia e in Cina.

La misura viene spiegata con una nuova strategia di produzione e un miglioramento della concorrenzialità a livello di costi, viene sostenuto nel comunicato. Ma secondo Impiegati Svizzeri il sito argoviese è redditizio: per l'organizzazione l'azienda vuole solo accrescere la redditività a spese del personale.

L'associazione chiede quindi al management di Rockwell - che peraltro conta anche un sito di vendita e supporto a Manno - di esaminare assieme ai rappresentanti del personale e alle associazioni che li tutelano tutte le possibilità per garantire la sopravvivenza dello stabilimento di Aarau e i relativi impieghi. Alle autorità cantonali e comunali viene chiesto di impegnarsi attivamente a favore del sito.

In una sua nota anche il sindacato Unia chiede a Rockwell di valutare seriamente il mantenimento della produzione ad Aarau invece di delocalizzare i posti di lavoro in Paesi a basso costo per ottimizzare la redditività. Da parte sua il sindacato Syna definisce la presunta ristrutturazione "una sfacciata massimizzazione dei guadagni sulle spalle dei fedeli collaboratori" e si attende a sua volta che le autorità intervengano.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg