Home > Uber ammette, pagato 'riscatto'. Inchieste e polemiche

Uber ammette, pagato 'riscatto'. Inchieste e polemiche

22.11.2017 - aggiornato: 22.11.2017 - 21:09

Nuova bufera su Uber dopo la rivelazione che ha tenuto nascosto per oltre un anno di aver subito l'hackeraggio dei dati di 57 milioni di utenti nel mondo, di cui 600 mila conducenti.

Solo oggi l'azienda ha ammesso di aver pagato 100 mila dollari a non meglio specificati pirati informatici per occultare la notizia e di aver licenziato Joe Sullivan e Craig Clark, capo e vice della sicurezza.

Il procuratore dello stato di New York Eric Schneiderman ha aperto un'inchiesta, che dovrebbe chiarire anche chi ha autorizzato il pagamento del 'riscatto': no comment per ora dal portavoce di Travis Kalanick, all'epoca amministratore delegato.

Con la magistratura della Grande Mela Uber aveva raggiunto un accordo nel gennaio 2016 sulla protezione dei dati dei clienti, un'intesa che faceva seguito ad un altro atto di pirataggio informatico del 2014, per il quale la società ha già pagato una multa di 20.000 dollari per non aver rivelato tempestivamente il furto di dati. In qual caso l'attacco aveva riguardato solo i dati degli autisti e non quelli dei clienti. Il nuovo hackeraggio è stato ben più esteso e ha avuto ripercussioni internazionali.

Il neo Ceo dell'azienda, Dara Khosrowshahi, ha annunciato che Uber informerà nei prossimi giorni i clienti i cui dati sono stati hackerati. Si tratta di nomi, email e numeri di telefono, oltre ai numeri di patente dei conducenti. Non sarebbero invece stati piratati i numeri della carte di credito e dei conti bancari, i codici della sicurezza sociale e le date di nascita degli utenti.

"Niente di tutto ciò avrebbe dovuto succedere e non cercherò scuse", ha dichiarato Khosrowshahi, che ha sostenuto di aver saputo solo "recentemente" della vicenda. "Se non posso cancellare il passato, posso impegnarmi per conto di ogni dipendenti di Uber che impareremo dai nostri errori", ha promesso.

Ma appare ancora lunga la strada per uscire dal tunnel, lasciandosi alle spalle anche tutti gli altri problemi: molestie sessuali ignorate, inchieste federali sui programmi contro i rivali e gli enti regolatori, controversia legale con Alphabet per il presunto furto di segreti commerciali sulle auto senza guidatore.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg