Home > Catholica

Storie di sofferenza e di amarezza

09.09.2017 - aggiornato: 09.09.2017 - 16:01

Nel terzo giorno in Colombia, il Papa ha proclamato beati due prelati, ascoltato testimonianze dell'epoca della guerriglia e piantato un albero simbolo di vita.

© AP Photo/Andrew Medichini
© AP Photo/Ricardo Mazalan

Pronunciando la formula canonica durante la messa a Villavicencio, salutato dall'applauso della folla (400'000 le persone presenti, secondo le autorità colombiane), papa Francesco ha proclamato ieri sera beati i due prelati colombiani martiri della violenza, mons. Jesus Emilio Jaramillo Monsalve, vescovo di Arauca, e padre Pedro Maria Ramirez Ramos, parroco di Armero: il primo sequestrato e ucciso nel 1989 dai guerriglieri dell'Esercito di Liberazione Nazionale (Eln), il secondo massacrato dai rivoltosi nel 1948 durante le sommosse per l'uccisione di Pedro Eliecer Gaitan, candidato presidente del partito liberale. A loro il GdP ha dedicato la prima pagina dell'inserto di catholica di oggi, che si potrà leggere anche domani (domenica) mattina sul nostro sito.

 

06192687.jpg

 

Testimonianze di vita dell'epoca della guerriglia

Francesco si è poi recato al Parque Las Malocas di Villavicencio dove ha presieduto il grande incontro di preghiera per la Riconciliazione Nazionale, cui partecipano vittime della violenza, ex guerriglieri che hanno deposto le armi, ex paramilitari e agenti di polizia.

Qui papa Francesco ha ascoltato, non nascondendo una certa emozione, quattro drammatiche testimonianze di vita dell'epoca della guerriglia: Juan Carlos e Deisy sono ex guerriglieri, lui reclutato dalle Farc, lei da un altro gruppo armato, che da tempo hanno deposto le armi e sono impegnati in prima persona in attività sociali e progetti di recupero; Luz Dary è vittima dell'esplosione di una mina che le ha provocato gravi danni fisici; Pastora Mira, più volte vittima della violenza, ha tra l'altro perso i due figli Sandra Paola e Jorge Anibal a causa dei paramilitari, e oggi è impegnata sul problema delle sparizioni forzate.

"Sono commosso. Sono storie di sofferenza e di amarezza, ma anche, e soprattutto, storie di amore e di perdono che ci parlano di vita e di speranza, di non lasciare che l'odio, la vendetta e il dolore si impadroniscano del nostro cuore", ha detto al termine il Pontefice, aggiungendo che "è possibile vincere l'odio, è possibile vincere la morte, è possibile cominciare di nuovo e dare vita a una Colombia nuova".

 

1504905763044.jpg

 

La sosta alla Croce della Riconciliazione

Terminato il grande incontro di preghiera con le vittime della violenza, ex guerriglieri, ex paramilitari e agenti di polizia, papa Francesco si è spostato in 'papamobile' al Parque de los Fundadores, a Villavicencio, dove è stato accompagnato davanti alla Croce della Riconciliazione da alcuni bambini, mentre un coro di voci bianche esegue un canto tradizionale.

Sul monumento è riportato il numero delle vittime della violenza che ha scosso il Paese negli ultimi decenni. Presenti al momento di raccoglimento e commemorazione il presidente della Repubblica Juan Manuel Santos, circa 400 bambini e un gruppo di indigeni. Seguono lo squillo del silenzio militare e un minuto di preghiera silenziosa. Al termine, il Papa ha piantato un albero, come simbolo di nuova vita.

 

1504942801724.jpg

 

Il programma di oggi

Oggi, nella quarta e penultima giornata della sua visita in Colombia, papa Francesco si trasferisce a Medellin, seconda città del Paese per numero di abitanti.

Il Papa, proveniente da Bogotà, atterrerà alle 9.10 locali (le 16.10 in Svizzera) alla base aerea di Rionegro, spostandosi poi in elicottero all'aeroporto Enrique Olaya Herrera di Medellin, dove alle 10.15 (17,15 elvetiche) celebrerà la messa, dedicata al tema della giornata che è "Vita cristiana come discepolato". Dopo il pranzo al Seminario Conciliar, alle 15.00 (le 22.00 in Svizzera), Francesco visiterà la Casa Famiglia Hogar San Josè, dove incontrerà le centinaia di bambini assistiti, piccoli disagiati, vittime della violenza e dell'abbandono. Al Centro Eventi "La Macarena", poi, alle 15.45 (22.45 svizzere) il Papa incontrerà i sacerdoti, i religiosi e le religiose, i seminaristi e le loro famiglie.

Il rientro in aereo a Bogotà è previsto alle 18.25 (l'1.25 di domani da noi) e all'arrivo in Nunziatura Francesco sarà accolto da consacrati, da sposi novelli e da coppie che festeggiano nozze d'oro e d'argento.

(Red/Ats)

Catholica

Oggi nell'inserto di Catholica

La prima giornata mondiale dei poveri indetta da papa Francesco, il gruppo degli scout adulti di Massagno, un contributo su Antonio Rosmini e molto altro.

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Cile e Perù

Francesco si recherà dal 15 al 18 gennaio in Cile e dal 18 al 22 dello stesso mese in Perù. Due Paesi latino-americani uniti nella lingua, ma con storie diverse …

Catholica

Un nuovo sito per le Scuole cattoliche

Nuova offerta online per la Federazione svizzera, composta da 37 scuole membri a pieno titolo e 13 scuole private associate per un totale di 8.200 tra bambini e …

Catholica

Un'amicizia che colma tanti bisogni

IL PERSONAGGIO - Padre Maurizio Bezzi, nato e cresciuto vicino al lago d’Iseo, ora lavora con evangelici e islamici per i ragazzi di strada in Camerun.

Catholica

Martire della giustizia contro gli usurai

IL PERSONAGGIO - Sabato 4 novembre, una coraggiosa religiosa diventata troppo scomoda per tanti, suor Rani Maria, è stata beatificata in India.

Catholica

Frère Léo, nelle strade per gli ultimi

IL PERSONAGGIO - Neuchâtel ricorda con una targa il religioso, fondatore di un servizio di apostolato ecumenico di strada per persone fragili, a 10 anni dalla morte …

Catholica

Musulmani e cristiani insieme per la pace

SPECIALE SABATO - Incontro con il cardinale centrafricano Nzapalainga, che si oppone a chi definisce un conflitto tra gruppi religiosi ciò che sta accadendo nel suo …

Catholica

"La famiglia non è un ideale astratto”

SPECIALE SABATO -  Mons. Vincenzo Paglia ci illustra il rinnovamento accademico in atto nel centro di studi dopo il Motu Proprio di papa Francesco.

Catholica

Scartate da tutti, oggi sono capolavori

IL PERSONAGGIO - In Uganda, Paese poverissimo e martoriato dalle violenze, suor Rosemary Nyirumbe ha ridato speranza a oltre 2.000 ragazze.

Catholica

Una fede ragionata, vissuta e praticata

IL PERSONAGGIO - È quella di Bono, cantante degli U2, che ha fatto di nuovo parlare di sé per le recenti foto sui social mentre riceve l'Eucarestia e posa coi …

Catholica

Edizione speciale del Catechismo

Stampato a Varese per i 25 anni dalla pubblicazione del Catechismo della Chiesa cattolica promulgata da Giovanni Paolo II. Presenta un nuovo commento teologico pastorale.

Catholica

"Il cristiano non è fatto per la noia"

Nell'udienza generale del mercoledì Papa Francesco ha spiegato che la nostra esistenza sia laboriosa, per accogliere con gratitudine ogni giorno donatoci da Dio.

Catholica

Il programma del viaggio del Papa in Asia

Francesco, che si recherà dal 26 novembre al 2 dicembre in Myanmar e Bangladesh, incontrerà i giovani dei due Paesi e parteciperà a incontri interreligiosi …

Catholica

Testimone della fede fino all’ultimo istante

IL PERSONAGGIO - Il martirio di Giovan Battista Sidotti, morto in Giappone nel 1715. Abate palermitano è stato ucciso per aver battezzato i suoi custodi. 

Catholica

"Quando è tutto nuvoloso, parlate di sole"

All'Udienza generale, nel giorno di San Francesco d'Assisi, il Papa ha ricordato come i cristiani siano "persone che propagano speranza con il loro modo di amare …

Catholica

Da Daro a Roma: prete, vescovo ed educatore

IL PERSONAGGIO - Un ricordo di Mons. Danzi a 10 anni dalla scomparsa. Il cardinale Scola: "Era un uomo libero e perciò spesso scomodo".

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg