Home > Catholica

Una Chiesa dove c'è posto per tutti

09.09.2017 - aggiornato: 09.09.2017 - 23:19

(LE FOTO) "La Chiesa non è una dogana, vuole le porte aperte", ha detto papa Francesco davanti a oltre un milione di persone accorse all'aeroporto di Medellin per la sua Messa.

© EPA/EDUARDO NORIEGA A.

Nella sua quarta e penultima giornata in Colombia, papa Francesco è partito nel pomeriggio (ora svizzera) da Bogotà per Medellin, terza città toccata nella sua visita, seconda del Paese per numero di abitanti. Giunto in aereo alla base aerea di Rionegro dopo circa 50 minuti, il Pontefice avrebbe dovuto spostarsi in elicottero, ma viste le condizioni meteo ha dovuto affrontare il tragitto in auto, per la gioia (e la sorpresa!) degli abitanti. A Medellin è quindi arrivato con oltre un'ora di ritardo.

 

papa_giusta.jpg

 

Una volta arrivato a destinazione, ossia nell'area dell'aeroporto Enrique Olaya Herrera di Medellin, papa Francesco ha iniziato il giro in 'papamobile' tra il milione di fedeli, o più, che lo ha atteso per la messa.

Qual è lo stile di sequela a Gesù? Lo ha chiesto e se l'è chiesto papa Francesco nell'omelia della Messa che ha celebrato all'aeroporto di Medellin. "In Colombia - ha sottolineato il Pontefice - ci sono tante situazioni che chiedono ai discepoli lo stile di vita di Gesù, particolarmente l’amore tradotto in atti di nonviolenza, di riconciliazione e di pace".

 

papa_messa.jpg

 

Tre sono gli atteggiamenti, secondo papa Francesco, da portare avanti nella nostra vita di discepoli missionari: andare all’essenziale, rinnovarsi e coinvolgersi.

"Andare all’essenziale" significa, secondo papa Francesco, "andare in profondità, a ciò che conta e ha valore per la vita". "Gesù insegna che la relazione con Dio non può essere un freddo attaccamento a norme e leggi, né tantomeno un compiere certi atti esteriori che non portano a un cambiamento reale di vita". 

In tal senso, ha aggiunto il Papa "il discepolato non è qualcosa di statico, ma un continuo movimento verso Cristo; non è semplicemente attaccarsi alla spiegazione di una dottrina, ma l’esperienza della presenza amichevole, viva e operante del Signore, un apprendistato permanente per mezzo dell’ascolto della sua Parola. E tale Parola ci si impone nei bisogni concreti dei nostri fratelli".

"Rinnovarsi". "Come Gesù “scuoteva” i dottori della legge perché uscissero dalla loro rigidità, ora anche la Chiesa è “scossa” dallo Spirito perché lasci le sue comodità e i suoi attaccamenti. Il rinnovamento non deve farci paura. La Chiesa è sempre in rinnovamento – Ecclesia semper reformanda –. Non si rinnova a suo capriccio, ma lo fa fondata e ferma nella fede, irremovibile nella speranza del Vangelo che ha ascoltato".

"Coinvolgersi". Papa Francesco ci ricorda che ci è richiesto per essere discepoli missionari "un coraggio evangelico che scaturisce dal sapere che sono molti quelli che hanno fame, fame di Dio, fame di dignità, perché sono stati spogliati". E, come cristiani" è nostro dovere "aiutarli a saziarsi di Dio; non ostacolare o proibire loro questo incontro". "La Chiesa non è una dogana - ha aggiunto papa Francesco -, vuole le porte aperte perché il cuore del suo Dio non solo è aperto, ma è trafitto dell'amore che si è fatto dolore. Non possiamo essere cristiani che alzano continuamente il cartello “proibito il passaggio”, né considerare che questo spazio è mia proprietà, impossessandomi di qualcosa che non è assolutamente mio. La Chiesa non è nostra, è di Dio; Lui è il padrone del tempio e della messe; per tutti c’è posto, tutti sono invitati a trovare qui e tra noi il loro nutrimento".

 

papa_messa2.jpg

 

L'incontro con i bambini...

Dopo la Santa Messa, papa Francesco ha visitato la Casa Famiglia Hogar San Josè, dove ha incontrato le centinaia di bambini assistiti, piccoli disagiati, vittime della violenza e dell'abbandono. "Anche Gesù Bambino è stato vittima dell'odio e della persecuzione; anche Lui ha dovuto scappare con la sua famiglia, lasciare la sua terra e la sua casa, per sfuggire alla morte", ha detto il Pontefice incontrando i piccoli.

Il Papa ha poi ascoltato la "coraggiosa testimonianza" della piccola Claudia Yesenia affermando: "Ascoltando tutte le difficoltà che hai passato, mi veniva alla memoria del cuore la sofferenza ingiusta di tanti bambini e bambine in tutto il mondo, che sono stati e sono ancora vittime innocenti della cattiveria di alcuni". "Ma Gesù non abbandona nessuno che soffre, tanto meno voi, bambini e bambine, che siete i suoi preferiti", ha concluso.

 

papa_ultima.jpg

 

... e con i sacerdoti

Dopo i bambini, Bergoglio ha incontrato i sacerdoti, i religiosi e le religiose, i seminaristi e le loro famiglie al Centro Eventi "La Macarena", ultimo appuntamento della sua visita di oggi a Medellin.

Erano presenti circa 12mila persone. Nell'incontro hanno portato le loro testimonianze un sacerdote, una religiosa di clausura e una famiglia. E di seguito ha preso la parola il papa.

Il rientro in aereo a Bogotà è previsto alle 18.25 (l'1.25 di notte da noi) e all'arrivo in Nunziatura Francesco sarà accolto da consacrati, da sposi novelli e da coppie che festeggiano nozze d'oro e d'argento.

 

(Red/Avvenire/Ats)

Catholica

Un popolo capace di fare figli ha futuro

Nell'Udienza del mercoledì il Papa ha ricordato le tappe del suo viaggio in Colombia. Al termine ha anche volto un pensiero alle vittime dell'alluvione a Livorno …

Catholica

Don Del-Pietro, una vita per i lavoratori

IL PERSONAGGIO - Ricorrono in questi giorni i 40 anni dalla morte del sacerdote ticinese, padre dell’OCST, che contribuì a dare al Ticino del dopoguerra il suo …

Catholica

A Taizé, dove Dio bussa al cuore dei giovani

SPECIALE SABATO - Un gruppo di ticinesi ha partecipato con 4mila giovani di tutta Europa a una settimana di vita comunitaria, amicizia e preghiera con i monaci della …

Catholica

"A difesa dei poveri nel nome del Vangelo"

SPECIALE SABATO - L'Arcivescovo Becciu, della Segreteria di Stato vaticana, ci parla di alcuni temi del magistero sociale del Papa alla vigilia del suo viaggio in Colombia …

Catholica

Si è spento l'ex primate inglese Murphy O'Connor

Murphy-O'Connor, arcivescovo emerito di Westminster e già primate cattolico d'Inghilterra e Galles, è stato il primo arcivescovo cattolico a recitare …

Catholica

Il Papa in dialogo con il sociologo Walton

Verrà dato prossimamente alle stampe in Francia un libro, dal titolo “Politique et société”, che contiene la trascrizione di dodici dialoghi di …

Catholica

Il viaggio del Papa in Colombia

Il Pontefice partirà mercoledì 6 settembre e farà tappa a Bogotà, Villavicencio, Madellin e Cartagena. Il suo rientro in Vaticano è …

Catholica

Il Papa in Myanmar e Bangladesh

Ufficiali le date in cui Francesco compirà un Viaggio Apostolico: dal 27 al 30 novembre in Myanmar e dal 30 novembre al 2 dicembre sarà in Bangladesh.

Catholica

Un'opera di speranza dove non c'era nulla

IL PERSONAGGIO - Padre Mario Pantaleo, un’amicizia che continua a Buenos Aires, raggiungendo 50mila persone e dando lavoro a 650 impiegati.

Catholica

"Dio piange con noi e ci sorprende"

(LE FOTO) Così il Papa nell'udienza generale del mercoledì, che è proseguita sul tema della speranza cristiana. Al termine Francesco ha pregato per i …

Catholica

37 milioni di follower per il Papa

I nove account Twitter del Pontefice hanno raggiunto un importante traguardo "social".

Catholica

Eremita in Svizzera: un ex agente ci prova

IL PERSONAGGIO - La storia di Micheal Daum, ex poliziotto tedesco, che si è ritirato nell’ottobre 2016 nell’antico eremitaggio di Santa Verena, a nord …

Catholica

Papa, ferie per la cura della sciatica

Se è vero che Bergoglio non va in vacanza dal 1974, è anche vero però che da tempo si prende del tempo in estate per curare la sua salute.

Catholica

"Peccatori che sperimentano la misericordia"

Così il Papa durante la seconda udienza generale dopo la pausa di luglio. Al termine della catechesi Francesco ha ricordato la strage in chiesa in Nigeria.

Catholica

"Senza gambe, senza braccia, senza limiti"

IL PERSONAGGIO - L'incredibile storia del giovane australiano Nick Vujicic, che gira il mondo per portare il suo messaggio di pace e speranza.

Catholica

Il cartello del Papa "Vietato lamentarsi"

Francesco, che trascorre le sue ferie rimanendo a casa senza perdere il buonumore, l'ha appeso all'ingresso del suo appartamento a Santa Marta.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg