Home > Catholica

Un'opera di speranza dove non c'era nulla

27.08.2017 - aggiornato: 31.08.2017 - 14:51

IL PERSONAGGIO - Padre Mario Pantaleo, un’amicizia che continua a Buenos Aires, raggiungendo 50mila persone e dando lavoro a 650 impiegati.

© foto dal web

Nel quartiere più povero di Buenos Aires, un’opera grande, la più grande dell’Argentina. Iniziata nel 1972 da padre Mario Pantaleo (1915-1992), continua tuttora e cresce, raggiungendo 50mila persone e dando lavoro a 650 impiegati. A parlarne, al Meeting di Rimini, è venuto Horacio Morel, l’attuale direttore dell’Opera padre Mario Pantaleo. Avvocato al foro di Buenos Aires, padre di cinque figli, ha premesso che «a Gonzàlez Catán stiamo continuando il lavoro avviato da padre Mario grazie ad una grande amicizia nata 12 anni fa, di cui l’allora arcivescovo Bergoglio fu il testimone». Fu proprio il cardinale, infatti, durante una presentazione alla fiera del libro di Buenos Aires, ad indicare Horacio e altre persone alla famiglia che si occupava con crescenti preoccupazioni della cura dell’Opera.

L’Opera padre Mario comprende le scuole frequentate da 3600 studenti - dall’asilo all’università - un piccolo ospedale, un centro per anziani, dei laboratori per disabili, un centro polisportivo. La vita di centinaia di famiglie ruota attorno a questa opera: giovani che si sono formati nelle sue scuole vi hanno poi trovato lavoro e a loro volta i figli frequentano le sue scuole. «Quando arrivai per la prima volta a Gonzàlez Catán vidi un quartiere grigio, occupato dalla povertà e dall’emarginazione, un luogo desertico. Dentro di me una voce silenziosa mi diceva che avevo una missione importante da compiere», scriveva padre Mario Pantaleo, ricordando gli inizi. Il quartiere in questi decenni  non è divenuto più ricco («ci sono ancora strade sterrate e mancano i servizi sanitari», racconta Horacio Moral) ma ora ha un’anima. I bambini e gli anziani che rimanevano soli durante la giornata mentre madri e padri andavano al lavoro, grazie all’opera di padre Mario hanno avuto qualcuno che si occupasse di loro. «E ora i bambini durante la ricreazione giocano nel vagone del treno che nei primi anni serviva a padre Mario da abitazione. Padre Mario», racconta Horacio.

Ma chi era padre Mario? Di origine italiana (nato a Pistoia) a nove anni emigrò con la famiglia in Argentina dove il padre sperava di trovare un lavoro adeguato. L’attività iniziata dal padre e dallo zio però non funzionò e agli inizi degli anni ‘30 padre Mario tornò in Toscana. Il desiderio di entrare in seminario, già espresso negli anni argentini, si concretizzò nel ‘32 e, nel 1944, Mario potè diventare sacerdote. L’Argentina restò però sempre nel suo cuore e così nel 1948 lasciò  per sempre l’Italia. Nel Paese sudamericano ricoprì vari incarichi, fra cui la cura spirituale in due ospedali della capitale dove fu trasferito nel 1958.

Fu in quegli anni che si manifestò il suo dono di guarire con le mani e anche di diagnosticare la malattia: «Alle volte aiutava i medici nelle loro analisi», spiega Horacio Moral. La sua notorietà lo fece diventare un personaggio pubblico. Fu alla fine degli anni Sessanta che  con i suoi pochi risparmi comprò un terreno  e cominciò a costruire una piccola casa a Gonzàlez Catán. E proprio in quegli anni il destino gli fece incontrare la sua futura collaboratrice, Perla Gallardo, che con la sua famiglia aiutò padre Mario in quello che era il suo sogno, ossia la costruzione di una chiesa e di opere sociali a Gonzàlez Catán. Seguirono donazioni, l’acquisto di un terreno e la posa della prima pietra, nel 1972. Da quel momento fu un susseguirsi di opere, con un numero sempre maggiore di amici che si aggiunsero.

Seguendo la realtà - il metodo molto semplice di padre Mario - le costruzioni, i progetti, i servizi per la comunità crebbero. Tra il ‘76 e il ‘92, anno della sua morte, furono costruiti gran parte degli attuali 15mila metri quadrati del Centro. Furono anni di lavoro senza limiti d’orario e di sforzi. Padre Mario si dedicò completamente alla missione pastorale, alla costruzione dell’Opera e alla cura dei malati. Troppo, per un corpo affetto dall’infanzia da difficoltà respiratorie. Nel 1992, il 19 agosto, morì a Buenos Aires: migliaia di persone gli diedero l’estremo saluto.

(I.S.)

Catholica

Un popolo capace di fare figli ha futuro

Nell'Udienza del mercoledì il Papa ha ricordato le tappe del suo viaggio in Colombia. Al termine ha anche volto un pensiero alle vittime dell'alluvione a Livorno …

Catholica

Don Del-Pietro, una vita per i lavoratori

IL PERSONAGGIO - Ricorrono in questi giorni i 40 anni dalla morte del sacerdote ticinese, padre dell’OCST, che contribuì a dare al Ticino del dopoguerra il suo …

Catholica

A Taizé, dove Dio bussa al cuore dei giovani

SPECIALE SABATO - Un gruppo di ticinesi ha partecipato con 4mila giovani di tutta Europa a una settimana di vita comunitaria, amicizia e preghiera con i monaci della …

Catholica

"A difesa dei poveri nel nome del Vangelo"

SPECIALE SABATO - L'Arcivescovo Becciu, della Segreteria di Stato vaticana, ci parla di alcuni temi del magistero sociale del Papa alla vigilia del suo viaggio in Colombia …

Catholica

Si è spento l'ex primate inglese Murphy O'Connor

Murphy-O'Connor, arcivescovo emerito di Westminster e già primate cattolico d'Inghilterra e Galles, è stato il primo arcivescovo cattolico a recitare …

Catholica

Il Papa in dialogo con il sociologo Walton

Verrà dato prossimamente alle stampe in Francia un libro, dal titolo “Politique et société”, che contiene la trascrizione di dodici dialoghi di …

Catholica

Il viaggio del Papa in Colombia

Il Pontefice partirà mercoledì 6 settembre e farà tappa a Bogotà, Villavicencio, Madellin e Cartagena. Il suo rientro in Vaticano è …

Catholica

Il Papa in Myanmar e Bangladesh

Ufficiali le date in cui Francesco compirà un Viaggio Apostolico: dal 27 al 30 novembre in Myanmar e dal 30 novembre al 2 dicembre sarà in Bangladesh.

Catholica

Un'opera di speranza dove non c'era nulla

IL PERSONAGGIO - Padre Mario Pantaleo, un’amicizia che continua a Buenos Aires, raggiungendo 50mila persone e dando lavoro a 650 impiegati.

Catholica

"Dio piange con noi e ci sorprende"

(LE FOTO) Così il Papa nell'udienza generale del mercoledì, che è proseguita sul tema della speranza cristiana. Al termine Francesco ha pregato per i …

Catholica

37 milioni di follower per il Papa

I nove account Twitter del Pontefice hanno raggiunto un importante traguardo "social".

Catholica

Eremita in Svizzera: un ex agente ci prova

IL PERSONAGGIO - La storia di Micheal Daum, ex poliziotto tedesco, che si è ritirato nell’ottobre 2016 nell’antico eremitaggio di Santa Verena, a nord …

Catholica

Papa, ferie per la cura della sciatica

Se è vero che Bergoglio non va in vacanza dal 1974, è anche vero però che da tempo si prende del tempo in estate per curare la sua salute.

Catholica

"Peccatori che sperimentano la misericordia"

Così il Papa durante la seconda udienza generale dopo la pausa di luglio. Al termine della catechesi Francesco ha ricordato la strage in chiesa in Nigeria.

Catholica

"Senza gambe, senza braccia, senza limiti"

IL PERSONAGGIO - L'incredibile storia del giovane australiano Nick Vujicic, che gira il mondo per portare il suo messaggio di pace e speranza.

Catholica

Il cartello del Papa "Vietato lamentarsi"

Francesco, che trascorre le sue ferie rimanendo a casa senza perdere il buonumore, l'ha appeso all'ingresso del suo appartamento a Santa Marta.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg