Home > Costume

Canone inverso culinario

31.10.2017 - aggiornato: 31.10.2017 - 16:14

(LE FOTO) Al ristorante Mistral del Grand Hotel Villa Serbelloni di Bellagio, lo chef Ettore Bocchia stravolge lo schema classico del menu.

© Foto dal web

Innovativo e intraprendente, studioso e scienziato, cuoco. La voce fuori dal coro di Ettore Bocchia – la cui cucina avevamo approfondito in “va dove ti porta il cuoco” nell’edizione del Giornale del Popolo del 28 ottobre 2016 – ha risuonato nuovamente a modo suo: stordendo e ammaliando. Il padre della cucina molecolare italiana, dietro ai fornelli del Grand Hotel Villa Serbelloni – gemma a pochi passi dal confine ticinese, sul lago di Como – ha composto un’altra sinfonia che non può lasciare indifferenti. Il suo Canone inverso scombussola lo schema classico del menu. Un moto contrario che non è palindromo né un vero specchio, ma una sequenza armoniosa che punzecchia la curiosità e coccola il palato. “È un inno alla perfezione dell’imperfetto – spiega Ettore Bocchia. Selezionando e utilizzando l’eccellenza dei prodotti con l’ausilio delle tecniche di oggi, si può stravolgere la sequenza canonica del menu”.

È l’armonia dei sapori a far abbracciare una portata alla successiva, un fil rouge indistruttibile fra preparazione calibrata al millimetro – o al grado di cottura, se si vuole – e materia prima al massimo dell’espressione che sfocia in una costante percezione di una stessa frequenza lungo il pentagramma di una melodia che non stona mai.

E allora si può cominciare con un dolce, un biscotto al cioccolato fondente all’olio d’oliva, crema di caprino, pere fondenti, sedano candito, sorbetto raffreddato all’azoto liquido e olive disidratate. Piatto delicato e armonico - abbinato a un muffato che accompagnerà anche la successiva portata - dove ogni elemento è chiaramente percepibile. Dolce e salato si fondono in un contrasto lieve che non disorienta, bensì stuzzica appetito e interesse. Segue un nota decisa, un “primo” che “primo” non è: scaloppa di fegato grasso fritta con fave novelle, germogli di pisello e spuma alle mandorle.

Dal foie gras rigorosamente ecosostenibile si passa al pesce: scampi fritti alla pizzaiola, patate ratte schiacciate all’olio d’oliva e buccia di limone, germogli d’origano; nel bicchiere una vitoska del 2009, vitigno autoctono del Friuli, esalta a meraviglia la grazia dello scampo con il suo sentore di ossidazione.

 

3_-_scampi_0_0.jpg

 

Nel Canone inverso di Bocchia non può mancare la pasta: cappelletti di pasta senza uovo, ripieni all’olio d’oliva in brodo ristretto di tonno, bottarga di Favignana e funghi enoki. Un piatto che racchiude tutti i tratti dell’idea di cucina dello chef: rispetto della tradizione italiana, ricerca della leggerezza senza rinunciare a una pienezza gustativa, materie prime scelte, di altissima qualità, e tecnica studiata, una scienza applicata alla gastronomia, per valorizzare i sapori dei prodotti.

Arriva il momento del coup de théâtre, un assolo di violino – ma senza spalla… – che nella sua semplicità all’impatto visivo, nasconde una complessità sotto più aspetti. Il piatto è composto da due fette di Culatello di Parma, una chicca dalla dispensa personale dello chef. Il profumo è intenso e lungo, il sapore pieno e coinvolgente. Servito con un refosco in purezza del 2012, il culatello fa schizzare la salivazione a mille.

 

5_-_culatello_piccola_insalata_0.jpg

 

E se idealmente si potrebbe pensare che il viaggio sia compiuto, le sensazioni gustative suggeriscono altrimenti.

Ecco infatti i bucatini all’amatriciana e bruschetta al tartufo nero. Dolce, salato, croccante: appagamento totale.

Ma nell’idea dello chef manca una nota per raggiungere anche la sazietà: “un vero e proprio dessert”. Un fondente al gianduia, amaretti, olio d’oliva e sale grezzo – accompagnato da un passito, un picolit 100%, altro vitigno autoctono friulano –, che fa calare il sipario, chiudendo un menu circolare ma imprevedibile che esalta la qualità dei prodotti in una liaison gustativa.

 

7_-_fondente_al_gianduia_0.jpg

 

Il Canone inverso è l’ennesima prova dell’abnegazione e il talento di uno chef di carattere, che negli anni ha sempre seguito le proprie convinzioni, in costante evoluzione, anche a costo di dare fastidio, di uscire dai canoni, appunto. Un credo che in ogni piatto servito al Mistral – che, per i curiosi, a fine novembre, dopo il trionfo della selvaggina che furoreggia attualmente in carta, chiuderà per la stagione invernale – emerge limpido, vero e sincero. Così com’è, com’è Ettore Bocchia. 

(Pierfi)

Costume e società

Quasi 300 franchi per i regali di Natale

È quanto prevedono di spendere gli svizzeri a testa quest'anno; i ticinesi sono i meno spendaccioni, con 271 franchi. Su cosa si punterà? In primis su doni in …

Costume e società

"Nouvo": l'esperimento social convince

I video SSR in pillole proposti su Facebook e Twitter si dimostrano funzionali per aggiornarsi sull’attualità. Ora il format spera di riuscire a farsi …

Costume e società

Sempre meno TV, sempre più YouTube

RAGAZZI E TV - I motivi del successo degli youtubers e i pericoli legati al canale più cliccato della Rete. Ne parliamo con l’esperto di età …

Costume e società

Un virus chiamato noia

Se da tempo si è a conoscenza del fenomeno dell'esaurimento da troppo stress sul posto di lavoro, ancora poco conosciuto è il "Boreout", quello da …

Costume e società

Le regole d'oro anti-malanni d'autunno

Sette semplici consigli per affrontare al meglio i primi freddi e non ammalarsi. Innanzitutto dormire a sufficienza, ma non bisogna dimenticarsi di ridere.

Costume e società

L'argento nei capelli e l'oro nel cuore

Cade il 2 ottobre la Festa dei Nonni, un modo per ricordare l’importanza di queste figure nella famiglia. Qui una panoramica sui nonni più amati della TV!

Costume e società

Terzo figlio per William e Kate

Dopo George e Charlotte, la coppia reale è ancora in dolce attesa. La duchessa di Cambridge, come nelle precedenti gravidanze, soffrre di una iperemesi gravidica. …

Costume e società

40 anni fa la scomparsa di Elvis

Per l'occasione migliaia di fan si sono recati a Graceland, sua ultima dimora, dove in questi giorni sono stati organizzati vari eventi per rendere omaggio a "The King …

Costume e società

Una giornata dedicata al leone

Si celebra il 10 agosto il World Lion Day, per sensibilizzare sul declino del Re della foresta nel mondo. 

Costume e società

1. agosto, non per tutti è una festa

I botti dei fuochi di artificio possono provocare panico negli animali domestici e selvatici e causare incidenti. I consiglio della Protezione svizzera degli animali.

Costume e società

Malato terminale conquista l'Everest

Lunedì 5 giugno Ian Toothill, personal trainer di 47 anni, malato di cancro dal 2015, è riuscito a raggiungere la vetta della montagna più alta del …

Costume e società

Attenzione alle zone a traffico limitato

Tali zone furono introdotte in Italia per contrastare l’inquinamento e per rendere più vivibili i centri storici. Ma se vi si accede inavvertitamente... la multa …

Costume e società

57 milioni per un paio di orecchini

È la cifra record sborsata durante l'ultima asta di Sotheby's a Ginevra. I due gioielli sono composti da un diamante blu ("Apollo Blue") e uno rosa ( …

Costume e società

Il sosia di Messi fa impazzire i fans

Reza Parastesh, diventato famoso per essere la fotocopia del calciatore del Barcellona, non piace però alla Polizia iraniana: "Sta minando l'ordine pubblico …

Costume e società

Nuovi francobolli dedicati al Ticino

(LE FOTO) Due ritraggono i castelli di Bellinzona e uno, già presentato, il leopardo ruggente del Festival del Film Locarno. Sono acquistabili e validi da …

Costume e società

Addio al dj Robert Miles

Nato in Svizzera da genitori italiani, è scomparso a 47 anni ad Ibiza. Re della trance era diventato celebre con il brano "Children".

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_concorso_presepi_2017.jpg

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg