Home > Cultura > Cinema

Addio al regista Squitieri

19.02.2017 - aggiornato: 19.02.2017 - 18:20

Il grande regista del cinema italiano è morto a Roma a 78 anni.

Si è spento a Roma, all'ospedale Villa San Pietro, il regista Pasquale Squitieri. Era nato a Napoli il 27 novembre del 1938. 

Dalla mafia alla droga, dal terrorismo alle cosiddette 'morti bianche' fino all'immigrazione. Sono questi i temi che Pasquale Squitieri, uno dei grandi artigiani del cinema italiano, ha da sempre affrontato nel suo cinema, non senza una iniziale incursione nel genere spaghetti western.

Squitieri aveva debuttato alla regia nel 1969 con il film “Io e Dio”, prodotto da Vittorio De Sica. Tra i suoi lavori più celebri, “Il prefetto di ferro” (1977), con Giuliano Gemma nel ruolo del prefetto Cesare Mori, “Li chiamarono bruganti” (1999) sul brigantaggio post unitario e Claretta (1984), con Claudia Cardinale nel ruolo di Claretta Petacci. Proprio la Cardinale è stata per 30 anni compagna di Squitieri. 

 

Il regista «un anno fa - racconta la seconda moglie Ottavia Fusco - ha avuto un terribile incidente stradale dal quale non si è mai ripreso le cui conseguenze nell’ultimo tempo lo avevano costretto addirittura a problemi di deambulazione. Si è spento per complicanze respiratorie dovute a un enfisema. È stato sempre un accanito fumatore. Ma il suo amore per il cinema quello è sempre rimasto immutato».  Squitieri ha avuto anche una parentesi politica: fu eletto senatore nel 1994 con Alleanza Nazionale, in seguito si era ricandidato con il Pdl. 

 

Nato a Napoli nel 1938, Squitieri dopo la laurea in Giurisprudenza si trasferisce a Roma per essere uno dei protagonisti della pièce teatrale di Giuseppe Patroni Griffi “In memoria di una signora amica”. Si avvicina al mondo del cinema in veste di aiuto regista di Francesco Rosi, ma grazie ad un finanziamento di Vittorio De Sica, dirige il suo primo film (Io e Dio, 1970). Con lo pseudonimo di William Redford, firma Django sfida Sartana (1970), mentre sta per rivolgere la sua attenzione verso la malavita organizzata di una Napoli dei giorni nostri, Camorra (1971). Successivamente torna indietro nel tempo per risalire alle origini della camorra, I guappi (1974), con Franco Nero Nero e Fabio Testi. Accanto a loro, dirige per la prima volta Claudia Cardinale, sua compagna di vita per tantissimi anni. 

 

Nella seconda metà degli anni ’70 realizza due film sulla mafia siciliana, Il prefetto di ferro (1977) e Corleone (1978), entrambi con Giuliano Gemma. Regista discontinuo e coraggioso, nel 1984 torna polemicamente alla ribalta per un film dedicato alla giovane amante di Benito Mussolini, fucilata insieme a lui nell’aprile del 1945. Con Claretta, presentato al Festival di Venezia, si attira subito le critiche di chi lo giudica troppo compassionevole nei confronti della donna del duce. Negli anni ’80 lavora per la televisione per poi tornare ancora ad affrontare il problema della droga attraverso la storia di una madre che cerca disperatamente di salvare il proprio figlio dall’eroina (Atto di dolore, 1990). A parte la Cardinale, torna a spesso a lavorare con gli stessi attori. Come Franco Nero, uno dei protagonisti di Li chiamarono...briganti! (1999). Tra i suoi film come regista e sceneggiatore, ricordiamo: Io, Claudia (2008), Hotel Meina (2007), L’avvocato De Gregorio (2003).  

Cinema

Avatar tornerà e si farà in quattro

È stata posticipata l'uscita dell'attessimo sequel del film diretto da Cameron. Quello che è noto, per ora, è che non sarà solo uno, ma bens …

Cinema

Addio al regista Squitieri

Il grande regista del cinema italiano è morto a Roma a 78 anni.

Cinema

Carlo Maria Martini, una voce libera nella fede

“Vedete, sono uno di voi” è un pregevole film di montaggio ricco di materiali d’archivio che ricostruisce il percorso umano e spirituale dell …

Cinema

La strategia visionaria di Valignano

"Silence", il film di Scorsese, visto da Vittorio Volpi, che ha studiato il periodo “Kirishitan Jidai”.

Cinema

Prezzi più bassi al Cinestar

Il nuovo gestore del multisala di Lugano, Arena Cinemas, ha deciso di diminuire i prezzi dei biglietti: fino al 36% in meno rispetto agli attuali costi.

Cinema

Premiato un film sul voto alle donne

La pellicola elvetica "Die Göttliche Ordnung" si è aggiudicata il Prix de Soleure in occasione della 52esima edizione delle Giornate cinematografiche di …

Cinema

"Ma vie de Courgette" anche ai César

Il film del vallesano Claude Barras ha ricevuto tre nomination in altrettante categorie: miglior film, d'animazione, miglior adattamento e migliore musica.

Cinema

Oscar, ecco tutti i nominati

Tra i nominati anche 3 film svizzeri, tra questi anche il film d'animazione "Ma vie de Courgette". La pellicola più nominata è La La Land: 14 in …

Cinema

Polanski sarà presidente del César

Il noto regista, che ha vinto il prestigioso riconoscimento ben 8 volte, avrà in mano le redini della 42esima edizione del premio, prevista il 24 febbraio a Parigi.

Cinema

Un apologo sulla fede e il mistero

La recensione di Daniela Persico di "Silence", dell'ultima fatica di Martin Scorsese che parla della persecuzione dei cristiani nel Giappone del XVII secolo.

Cinema

Biglietti omaggio per "Silence"

Scopri come ottenere i 60 biglietti offerti ai propri lettori dal Giornale del Popolo per vedere al cinema l'ultimo film di Martin Scorsese.

Cinema

Uno sguardo su individuo e responsabilità

In uscita il nuovo film di Clint Eastwood "Sully". La pellicola tratta la vicenda del comandante che fece atterrare un aereo di linea in avaria sul fiume Hudson.

Cinema - Festival del Film

Un brindisi "politico" al Pardo

Tradizionale ricevimento del Governo ticinese mercoledì sera al Festival del Film di Locarno. (LE FOTO)

Cinema - Festival di Cannes

Romania verso la Palma per un cinema sociale

La qualità sembra dominata dalle creazioni rumene, da una parte “Sieranevada” di Puiu e dall’altra la sofisticata parabola di Mungiu con …

Cinema

Il coraggio di un medico conquista Cannes

Grande successo per la pellicola "La fille inconnue" dei fratelli Dardenne, che parla di un medico e delle difficoltà di fronte ai problemi sociali. 

Cinema - Italia

Addio a Lino Toffolo

L'attore italiano è morto la scorsa notte a causa di un infarto all'età di 81 anni.

Accesso e-GdP

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

banner_spot_youtube_chi_siamo.png

misericordia_2015.jpg

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg