Home > Cultura

Quelle faccine davvero universali?

06.01.2018 - aggiornato: 08.01.2018 - 09:28

SPECIALE SABATO - Marcel Danesi spiega il significato delle emoji. Lo studioso dell’Università di Toronto racconta nascita ed evoluzione di queste icone moderne.

di Francesca Savoldelli

 

Difficile non fare uso delle emoji, icone ispiratrici di simpatia, ormai presenza fissa nella gran parte dei nostri messaggi elettronici. Senza barriere di spazio e di generazione, sono ben presto divenute i pittogrammi più utilizzati nell’era di Internet. Le origini sono giapponesi, infatti, la parola “emoji” è un adattamento inglese di(“immagine”) e(“parola”).  La prima faccinaemoji è nata attorno al 1998 dalla mente del giapponese Shigetaka Kurita, su ispirazione del vecchio smiley :). Dodici anni dopo è la forma di Kurita, più completa rispetto alle semplici emoticon, a prendere piede nella comunicazione digitale. Il 2015 si rivela un anno cruciale per la diffusione delle emoji, infatti Unicode (uno standard di codifica internazionale che assegna un numero ad ogni carattere, fornendo così la possibilità a utenti che parlano lingue diverse, di un sistema unitario di caratteri) crea un alfabeto emoji utilizzabile da persone che parlano lingue diverse. Negli anni successivi cresce la popolarità delle emoji, tant’è che riescono a “uscire” dalle tastiere dei dispositivi elettronici, trovando nuove forme: nasce un grande merchandising, compaiono sui cartelloni pubblicitari, addirittura viene realizzato un film a loro dedicato. 

Marcel Danesi, professore di semiotica e antropologia linguistica all’Università di Toronto (Canada), è un grande conoscitore delle emoji, nel suo ultimo libro The semiotics of emoji (disponibile solo in inglese) fornisce un chiaro quadro del fenomeno. Recentemente ho avuto il piacere di incontrare Danesi presso la cattedra dove insegna e mi ha raccontato nascita, vita e (forse) morte di questo linguaggio visivo tanto amato.

Perché questo particolare codice ha avuto un enorme successo negli ultimi anni?

La ragione risale ai tentativi di unire il mondo delle comunicazioni internazionali, è da sempre che si vuole raggiungere questo obiettivo. Una volta si usava il latino, che ovviamente non era una lingua mundi perché era necessario studiarlo per mettersi in contatto. Con questi piccoli pittogrammi, chiamati emoji, è molto più semplice aumentare la possibilità di comunicare a livello globale. Facciamo un esempio: se qualcuno mi scrive con i caratteri cinesi e inserisce qualche emoji, ciò perlomeno semplifica la comprensione del tenore del messaggio.

Continua a leggere nell'inserto di Cultura

Cultura

Incontro con il giornalista Mura

Giovedì 19 aprile, alle 20.30, presso la Sala Aragonite di Manno, si parlerà di racconti, cucina, sport e canzoni, ossia... "i 4 lati di Mura".

Cultura

Intorno al ritmo

Luca Cerchiari ci presenta la terza edizione di "The Cambridge Companion to the Musical” di Everett e Laird, volume sulla commedia musicale americana.

Cultura

Riflettori puntati sui mitici Anni '90

Per due mesi Bellinzona ospiterà il festival culturale e musicale "Strange Days", che propone eventi di diverso tipo per capire come sia cambiato il mondo …

Cultura

Topolino festeggia 90 anni

A partire dalla prossima settimana Disney celebrerà per tutto il 2018 uno dei personaggi più amati da intere generazioni di bambini e adulti.

Cultura

La vita in quella che fu l'URSS

SPECIALE SABATO - Un bel libro ci racconta quel mondo scomparso, attraverso 400 oggetti, altrettante fotografie, 700 citazioni letterarie. Un'immersione oltre i clich …

Cultura

Il Festival di Sanremo visto dal GdP!

Una rubrica che racchiude le nostre impressioni e i nostri commenti, tra il serio e il faceto, delle varie puntate della 68ma edizione del Festival della canzone italiana.

Cultura

Premiata la luganese Vera Trachsel

È tra i 5 giovani artisti che hanno ricevuto il riconoscimento Manor 2018, del valore di 15mila franchi. Le sue opere esposte al Museo cantonale d'arte di Lugano.

Cultura

DIORIO: Belle époque e Grande guerra

DIORIO - Undicesima puntata degli interventi-racconti del grafico ticinese Orio Galli, che partono dalle sue vicende famigliari per narrarci dell'emigrazione nella …

Cultura

Quelle faccine davvero universali?

SPECIALE SABATO - Marcel Danesi spiega il significato delle emoji. Lo studioso dell’Università di Toronto racconta nascita ed evoluzione di queste icone …

Cultura

Un musical avvincente e convincente

Il commento sullo spettacolo teatrale di Yor Milano, "La vera storia di Nicolao della Flüe", andato in scena domenica sera al Palazzo dei Congressi di …

Cultura

La Svizzera italiana di Nessi

SPECIALE SABATO - Quindici passeggiate con uno sguardo particolare. Senza dimenticare i monumenti artistici, lo scrittore si sofferma su aspetti minori della quotidianit …

Cultura

Una figura di donna moderna e impegnata

Carolina Maraini-Sommaruga (Lugano 1869-Savosa 1959) è protagonista alla Pinacoteca Züst di Rancate. Conosciamola meglio. 

Cultura

I 60 anni dello "Zecchino d'Oro"

Previsti per l'occasione 4 appuntamenti e una puntata speciale. Ripercorriamo la storia del festival, da decenni emblema di una televisione a misura di bambino.

Cultura

Dimitri e Carla Del Ponte tutti d'un pezzo

(LE FOTO) Sono due delle 20 personalità elvetiche raffigurate in legno dall'artista Inigo Gheyselinck ed esposte a Berna nell'ambito della campagna #Woodvetia. …

Cultura

Assegnati i premi Möbius 2017

La Fondazione per lo sviluppo della cultura digitale, giunta alla sua ventunesima edizione, ha premiato il progetto Monitra e la piattaforma Treccani.

Cultura

La passione per Tolkien in un museo

SPECIALE SABATO - Tra le vigne grigionesi sorge il “Greisinger Museum”, unico al mondo, che espone 10mila pezzi da collezione legati alla narrativa …

Accesso e-GdP

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg