Home > Cultura

Rostropovich ha sfidato i "muri"

10.02.2018 - aggiornato: 10.02.2018 - 15:51

SPECIALE SABATO - Un documentario, "The Indomitable Bow", dedicato al mitico violoncellista, costretto all'esilio, che segnò la Storia, non solo musicale. 

© foto dal web

di Enrico Parola

 

Dopo i memorabili film su Yehudi Menuhin, Glenn Gould e Sviatoslav Richter (senza citare tutte le sue altre pellicole), Bruno Monsaingeon ha appena concluso The Indomitable Bow, dedicato a Mstislav Rostropovich. Un documentario speciale rispetto ai precedenti perché il mitico violoncellista non segnò solo la storia musicale del 900, ma la Storia. Cosciente di ciò Monsaingeon sceglie come pietre miliari del suo percorso i capitoli della biografia di “Slava” che hanno coinciso con quelli della storia socio-politica del suo Paese, dell’Europa e in alcuni casi del mondo intero. Non è un’iperbole: le prime immagini inquadrano Alexandr Solgenitsin, lo scrittore che con Arcipelago Gulag fece conoscere fuori dai confini sovietici gli orrori della versione comunista del lager.

 

bbb_0.jpg

 

Rostropovich lo ospitò quattro anni nella sua casa, in una sorta di dependance in campagna; location illustrata dallo stesso Slava che fa da cicerone al cameraman: c’è ancora il vecchio frigorifero dove Solgenitsin conservava il latte. «Io gli offrivo qualunque cosa, ma lui voleva vivere con un rublo al giorno, cibandosi solo di poche cose, semplici e povere» racconta Rostropovich; «andavo ogni mattina a trovarlo, ogni volta temendo che lo avessero assassinato». Non lo fecero mai: sapevano dove vivesse, ovviamente, ma Rostropovich era il violoncellista più famoso al mondo, fosse successo a casa sua tutto il mondo lo avrebbe saputo. La vendetta del Partito fu l’ostracismo: gli fu impedito di suonare all’estero e nei principali teatri russi, per lui solo paesini e salette minori.

Sono toccanti le parole di Solgenitsin, raccontano di una amicizia sincera e di una riconoscenza profonda; ai suoi ricordi si aggiungono quelli di sua moglie e di suo figlio, che era un ottimo pianista: c’è la ripresa di un concerto dove lui è solista e Rostropovich lo dirige nel Concerto di Shostakovich. Qui si intreccia l’intervista a Menuhin, che ricorda l’esibizione straordinaria organizzata all’Onu nel 1974: voleva suonare con Slava ma Breznev si oppose; il violinista insistette minacciando di raccontare ai media che da tutto il mondo avrebbero seguito l’evento come il Partito avesse impedito a Rostropovich di essere presente. 

Continua a leggere nell'inserto di Cultura di oggi

Cultura

La vita in quella che fu l'URSS

SPECIALE SABATO - Un bel libro ci racconta quel mondo scomparso, attraverso 400 oggetti, altrettante fotografie, 700 citazioni letterarie. Un'immersione oltre i clich …

Cultura

Il Festival di Sanremo visto dal GdP!

Una rubrica che racchiude le nostre impressioni e i nostri commenti, tra il serio e il faceto, delle varie puntate della 68ma edizione del Festival della canzone italiana.

Cultura

Premiata la luganese Vera Trachsel

È tra i 5 giovani artisti che hanno ricevuto il riconoscimento Manor 2018, del valore di 15mila franchi. Le sue opere esposte al Museo cantonale d'arte di Lugano.

Cultura

DIORIO: Belle époque e Grande guerra

DIORIO - Undicesima puntata degli interventi-racconti del grafico ticinese Orio Galli, che partono dalle sue vicende famigliari per narrarci dell'emigrazione nella …

Cultura

Quelle faccine davvero universali?

SPECIALE SABATO - Marcel Danesi spiega il significato delle emoji. Lo studioso dell’Università di Toronto racconta nascita ed evoluzione di queste icone …

Cultura

Un musical avvincente e convincente

Il commento sullo spettacolo teatrale di Yor Milano, "La vera storia di Nicolao della Flüe", andato in scena domenica sera al Palazzo dei Congressi di …

Cultura

La Svizzera italiana di Nessi

SPECIALE SABATO - Quindici passeggiate con uno sguardo particolare. Senza dimenticare i monumenti artistici, lo scrittore si sofferma su aspetti minori della quotidianit …

Cultura

Una figura di donna moderna e impegnata

Carolina Maraini-Sommaruga (Lugano 1869-Savosa 1959) è protagonista alla Pinacoteca Züst di Rancate. Conosciamola meglio. 

Cultura

I 60 anni dello "Zecchino d'Oro"

Previsti per l'occasione 4 appuntamenti e una puntata speciale. Ripercorriamo la storia del festival, da decenni emblema di una televisione a misura di bambino.

Cultura

Dimitri e Carla Del Ponte tutti d'un pezzo

(LE FOTO) Sono due delle 20 personalità elvetiche raffigurate in legno dall'artista Inigo Gheyselinck ed esposte a Berna nell'ambito della campagna #Woodvetia. …

Cultura

Assegnati i premi Möbius 2017

La Fondazione per lo sviluppo della cultura digitale, giunta alla sua ventunesima edizione, ha premiato il progetto Monitra e la piattaforma Treccani.

Cultura

La passione per Tolkien in un museo

SPECIALE SABATO - Tra le vigne grigionesi sorge il “Greisinger Museum”, unico al mondo, che espone 10mila pezzi da collezione legati alla narrativa …

Cultura

Storie di montagna, di uomini e di donne

Al via il 25 agosto la 24esima edizione del Festival dei Festival. Oltre ai veri protagonisti della rassegna, ossia i migliori film su vette e cime del mondo, ci sarà …

Cultura

Un funzionale "paradiso" a Giubiasco

Intervista alla direttrice del nuovo centro artistico Kami Manns. A pochi passi dalla stazione vengono riutilizzati gli spazi di un ex fabbrica a scopi culturali.

Cultura

La sfida è valorizzare l'organo

Intervista all'organista Andrea Coen, protagonista del quinto concerto di Ceresio Estate, martedì 25 luglio nella Chiesa di Santa Maria del Sasso a Morcote.

Cultura

Quando i colori vincono sul dolore

IL PERSONAGGIO - La giovane artista berlinese di origini ebraiche Charlotte Salomon espone la sua opera fino al 25 giugno a Palazzo Reale di Milano.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg