Home > Economia

Ermotti: "Finanza per l'aiuto allo sviluppo"

18.01.2018 - aggiornato: 18.01.2018 - 17:45

"I nostri clienti vogliono investire i loro soldi a favore dei cambiamenti sociali", ha dichiarato oggi il ticinese a Zurigo durante una conferenza sugli Impact Bonds.

© KEYSTONE/Ennio Leanza

Il CEO di UBS, Sergio Ermotti, intravvede un grande potenziale nei nuovi strumenti finanziari per compensare la mancanza di fondi per l'aiuto allo sviluppo. I cosiddetti Impact Bonds, oltre a fornire risultati concreti, devono anche essere redditizi per chi investe.

"I nostri clienti vogliono investire i loro soldi a favore dei cambiamenti sociali", ha dichiarato oggi il ticinese a Zurigo durante una conferenza sugli Impact Bonds. Tuttavia, gli investitori pretendono anche trasparenza e risultati concreti.

In Rajastan, India, la fondazione UBS Optimus ha lanciato il primo Development Impact Bond al mondo per mostrare agli investitori che questo metodo funziona, ha dichiarato Ermotti che ha organizzato l'incontro assieme alla Segreteria di stato dell'economia (SECO) e alla Banca Interamericana di Sviluppo.

Le Nazioni Unite stimano che fino al 2030 mancheranno 2,5 miliardi di dollari l'anno per raggiungere gli obiettivi dell'Agenda 2030, ha dichiarato dal canto suo la direttrice della SECO Marie-Gabrielle Ineichen-Fleisch. Gli Impact Bonds potrebbero generare mezzi supplementari provenienti dai privati per migliorare i progetti di sviluppo.
La SECO già partecipa ai Social Impact Bonds (SIB) in Colombia, destinati a sostenere finanziariamente progetti per l'integrazione nel mercato del lavoro. Stando a Ineichen-Fleisch si tratta dei primi SIB in un Paese in via di sviluppo. L'aspetto speciale di questi mezzi finanziari è che la SECO deve versare il denaro, nel caso concreto 3 milioni di franchi, solo se il progetto raggiunge i risultati previsti.

Il governo colombiano e la Banca Interamericana di sviluppo partecipano anch'esse alle garanzie d'investimento per un ammontare globale di 8,6 milioni di dollari. I soldi per il progetto provengono da investitori privati, come le fondazioni, che sopportano anche i rischi e ricevono indietro i loro soldi, compresi gli interessi, se raggiungono gli obiettivi spendendo di meno.

Secondo alcune stime, le rendite di simili obbligazioni oscillano tra il 7 e il 12%. Visti i bassi tassi di interesse attuali, per Ineichen-Fleisch simili strumenti finanziari hanno un grosso potenziale. A suo dire, i privati sono disposti ad assumersi rischi maggiori pur di ottenere cambiamenti sociali.

La Svizzera ha già esperienza con simili obbligazioni. Lo scorso autunno, il Comitato internazionale della Croce Rossa, assieme alla Direzione dello sviluppo e della cooperazione, ha lanciato gli Humanitarian Impact Bonds (HIB) per un valore di 26 milioni di franchi.

(Ats)

Economia

Fine collaborazione tra FFS e Ticketcorner

Dal 28 febbraio l'ex regia federale abbandonerà l'attività di vendita di biglietti per eventi: "I clienti ormai acqistano sempre più online …

Economia

Ermotti il terzo più pagato d'Europa

Con la sua busta paga annuale di 12,3 milioni di euro, il ticinese si è piazzato dietro all'indiano Rakesh Kapoor (14,4 milioni) e Martin Sorrell (13,3 milioni …

Economia

I vantaggi del fare impresa in Ticino

Il DFE lancia la campagna informativa “Innova. Crea. Cresci” per illustrare alle aziende del Cantone la paletta di misure a sostegno delle piccole e medie …

Economia

Groupe Mutuel riduce le perdite nel 2016

L'assicuratore malattia vallesano si è avvicinato a una gestione equilibrata: la perdita netta è stata di 1,3 milioni di franchi, contro i 127,1 dell'anno …

Economia

In circolazione la nuova banconota da 50 euro

La Banca centrale europea ha spiegato che essa ha "avanzatissime caratteristiche di sicurezza" per non essere contraffatta, essendo quella più diffusa e …

Economia

Aria di primavera per Swatch

Le lancette girano bene in questo inizio 2017 per il colosso orologiero. Migliora la situazione in Asia, dove risulta strategico il mercato della Cina continentale.

Economia

Hotel svizzeri, 30% di prenotazioni online

Quasi il 30% delle camere prenotate dal web. Entro il 2020 le riservazioni online potrebbero superare il 50%.

Economia

È morto Nicolas Julius Bär

L'ex presidente della banca zurighese, entrato nel gruppo nel 1951 e appartenente alla terza generazione della famiglia Bär, aveva 93 anni.

Economia

Utile in calo per Nestlé

La multinazione con sede a Vevey ha registrato l'anno scorso un untile di 8,53 miliardi, il 5,9% in meno rispetto al 2015.

Economia

Ancora in calo le riserve di BNS

Si tratta del secondo calo consecutivo, dopo otto mesi in crescita. L'insieme delle riserve (oro escluso) è passato da 651,1 a 649,4 miliardi di franchi.

Economia

Sale l'utile di Roche

Il gruppo farmaceutico basilese ha registrato un aumento del 7% nel 2016. Cresciuto anche il fatturato, che ha raggiunto i 50,6 miliardi.

Economia

Lindt si conferma al primo posto

Le vendite di cioccolato Lindt & Sprüngli registrano un buon fatturato di vendita per l'anno 2016, aumentando del 7% rispetto all'anno precedente.

Economia

Panne per e-finance

Un problema informatico rende inutilizzabile da domenica il servizio offerto da PostFinance. Gli specialisti sono al lavoro per cercare di trovare la soluzione.

Economia

Utile da 466 milioni per la Posta

Il risultato riguarda i primi 9 mesi dell'anno e rappresenta un calo di 37 milioni rispetto allo stesso periodo del 2015.

Economia

Migros aumenta i salari

Il gigante arancione ha concordato con le parti sociali e contrattuali un aumento della massa salariale dei propri dipendenti compreso fra lo 0,3 3 lo 0,7%.

Economia

Calo dell'utile per Swiss

La compagnia aerea elvetica ha registrato una diminuzione dell'utile operativo del 13,2% nei primi 9 mesi del 2016. Risultato positivo tuttavia nel terzo trimestre.

Accesso e-GdP

Banner Libro Bonefferie

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg