Home > Commenti > Commenti

Questo è l’uninominale, bellezza

09.05.2015 - aggiornato: 21.05.2015 - 08:32

Il commento post voto di Rodolfo Casadei. Nelle elezioni britanniche non basta ottenere voti: bisogna anche ottenerli nei posti giusti e nel modo giusto, altrimenti si finisce come l’Ukip.

Nigel Farage, leader del partito UKIP, appresi i risultati ha dichiarato che il sistema elettorale britannico è “in bancarotta”. (AP Photo/Matt Dunham)

di Rodolfo Casadei

I britannici non sono ticinesi, e fra i sondaggisti di Londra non si annovera Pietro Pisani. Così, mentre a Lugano i sondaggi alla vigilia del voto si rispecchiano fedelmente nei risultati finali, a Londra delle quattro previsioni fatte dagli istituti alla vigilia del voto se ne sono realizzate solo tre, ed è stata smentita la più importante. Tutti avevano detto e scritto, compresi i principali quotidiani britannici, che il parlamento del 2015 sarebbe stato “hung”, cioè appeso, impiccato, vale a dire privo di una maggioranza di governo.

Nemmeno una riedizione della coalizione conservatori-liberaldemocratici avrebbe potuto vantare una maggioranza assoluta di seggi. Ci sarebbe stato un crollo dei liberaldemocratici, un boom di seggi del Partito nazionalista scozzese (Snp), un boom di voti ma non di seggi per i populisti di destra dell’Ukip, e un pareggio fra conservatori e laburisti. E invece l’ultima delle quattro profezie non si è avverata: i conservatori hanno allargato la forbice di vantaggio che li separava nel 2010 dai laburisti, hanno guadagnato 24 seggi rispetto ad allora mentre i laburisti ne hanno persi 26. Tutti noi che abbiamo scritto avendo presenti i sondaggi britannici abbiamo ricalcato previsioni indovinate e previsione sbagliata delle nostre fonti d’informazione.

Quel che è successo non è facile da capire per chi, come quasi tutta l’Europa continentale, non è abituato al sistema maggioritario con collegi uninominali. Il leader dell’Ukip, Nicholas Farage, appresi i risultati ha dichiarato che il sistema elettorale britannico è “in bancarotta”. Ha di che lamentarsi: con 3 milioni e 800mila voti, il suo partito ha conquistato 1 solo seggio; mentre l’Snp con 1 milione e 450mila voti ne ha conquistati 56! Se si sommano i voti dell’Snp con quelli dei liberaldemocratici, si ottiene lo stesso numero di voti conquistati dall’Ukip, cioè 3 milioni e 800mila. Ma Snp e lib-dem insieme contano 64 seggi a Westminster, l’Ukip solo uno!

Non è questa l’unica stranezza. Ed Miliband in queste ore viene denigrato come il leader che ha condotto i laburisti alla sconfitta, come colui che non è riuscito ad attrarre elettori né da destra né da sinistra mentre ha perso quasi tutti quelli scozzesi che aveva – e non erano pochi. Falso: il partito laburista è cresciuto sia in voti sia in percentuale in queste elezioni.

Nel 2010 aveva ricevuto 8 milioni e 600mila voti, pari al 29 percento dei votanti; stavolta ne ha ottenuti 9 milioni e 350mila, pari al 30,4 per cento. Anche i conservatori sono cresciuti sia in voti che in percentuale, ma meno dei laburisti: sono passati da 10 milioni e 700mila a 11 milioni e 300mila, e quindi dal 36,1 al 36,9 per cento. E si tenga presente che i votanti rispetto alle elezioni del 2010 sono aumentati solo di un punto percentuale: ha votato il 66,1 per cento degli aventi diritto contro il 65,1 di cinque anni fa. 

È dunque evidente che nelle elezioni britanniche non basta ottenere voti: bisogna anche ottenerli nei posti giusti e nel modo giusto, altrimenti si finisce come l’Ukip, che è arrivato secondo in 118 collegi, e primo in uno solo; e perciò ha portato a casa 1 seggio solo.

Premesse queste indispensabili spiegazioni tecniche, la valutazione politica dell’accaduto si può riassumere in poche parole. La performance dei cinque anni di governo di coalizione conservatori-lib-dem non è stata eccezionale, ma Cameron trasmette un’immagine di solidità e affidabilità che Miliband non è stato capace di uguagliare. I conservatori sono riusciti a convincere che i guai economici del Regno Unito sono stati causati dalle politiche fiscali allegre dei laburisti negli anni di Tony Blair, e che tornando al governo i laburisti avrebbero ricominciato a fare danni.

 

Hanno anche ben pubblicizzato il pericolo di una coalizione labour-Snp alla guida del Regno Unito, con la prospettiva di politiche di estrema sinistra (l’Snp vuole che Londra rinunci al nucleare militare) e la secessione scozzese di nuovo all’ordine del giorno. Ultimo ma non da meno, la promessa di David Cameron di svolgere entro il 2017 un referendum sulla permanenza del Regno Unito nell’Unione Europea ha fatto breccia in molti cuori. I laburisti non avrebbero mai offerto questa opportunità. E i britannici, nonostante la crescente disaffezione alla politica, amano ancora decidere in modo democratico le cose importanti.

 

 

Articoli correlati

Cameron trionfante fa tremare l’Europa

Per Cameron vincente ora cominciano i dolori

Chi entra a Downing Street? Breve guida al voto inglese

Come e cosa votano gli inglesi

 

Commenti

Vecchio ordine e nuovo bipolarismo

TACCUINO ITALIANO - Il commento di Robi Ronza su quanto sta accadendo sulla scena politica italiana, con da una parte Mattarella e dall'altra Salvini e Di Maio.

Commenti

Una nota di solidarietà nella scuola

Il commento dello psichiatra Graziano Martignoni sulla tragedia evitata alla Commercio di Bellinzona, dove a suo avviso è emersa "una comunità sana".

Commenti

Inizia il tempo dell’annuncio

Don Massimo Braguglia nel suo commento si sofferma sulla perdita del senso delle solennità infrasettimanali come l'Ascensione, per i più solo opportunit …

Commenti

Profeta di amore e umanità

Il ricordo di Daniela Persico del regista Ermanno Olmi: "Ha riportato al centro della cultura il tema del ritorno alla terra, ma soprattutto dello spirito cattolico e …

Commenti

Le Palme, la Pasqua di tutti

Fra Edy Rossi-Pedruzzi, custode dei Cappuccini della Svizzera Italiana, si esprime sulla Domenica delle Palme.

Commenti

Ogni papà è anzitutto un figlio

Le riflessioni di Marco Squicciarini in occasione della Festa di San Giuseppe: "Oggi è una festa grande. Nessuno ne è escluso: padri, mariti, figli, …

Commenti

La "concordanza" svizzera, "l'inciucio" italiano

TACCUINO ITALIANO - Robi Ronza ci illustra le difficoltà che stanno caratterizzando a Roma il cammino verso il nuovo Governo, in relazione al nostro Paese. 

Commenti

Si cura meglio dando del tempo

In occasione della Giornata del malato, don Charles Azanshi sottolinea l'importanza di parlare con i pazienti e ascoltare chi soffre. Ciò spesso è la …

Commenti

Giovani a scuola di democrazia

È quanto si propone "La gioventù dibatte", un progetto di educazione alla cittadinanza destinato ai giovani. Ce ne parla il responsabile, Chino …

Commenti

"Noi, che abbiamo sperimentato la guerra"

Il commento di Padre Ibrahim Alsabagh che raccoglie con il Giornale del Popolo l'appello di papa Francesco nella Giornata di preghiera per la pace. 

Commenti

Le ambizioni neoimperiali di Erdogan

La Turchia è in Stato di emergenza dal fallito golpe del luglio 2016 e la condizione dei diritti fondamentali desta preoccupazione. Ce ne parla Marta Ottaviani nel suo …

Commenti

Il tempo come presenza

Il messaggio di don Willy Volonté per la Quaresima, tempo in cui affiora l'umano ferito e lo sguardo di Cristo domina, mentre aspettiamo la luce radiosa della sua …

Commenti

Positività e un sano realismo

Il bilancio di Remigio Ratti a un anno dell'entrata in servizio di AlpTransit: "È il momento di una positività che va colta nella sua portata di …

Commenti

Ma la Lombardia non è proprio la Catalogna

TACCUINO ITALIANO - Robi Ronza spiega le enormi differenze che ci sono tra il referendum in Catalogna e quelli in programma in Lombardia e Veneto il 22 ottobre.

Commenti

Alla SSR fra canone e impresa

Luigi Pedrazzini ricorda Claudio Generali, fra le altre cose già presidente della Cooperativa per la Radio Televisione della Svizzera italiana. 

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg