Home > Mondo

"Questi vent'anni senza Lady Diana"

30.08.2017 - aggiornato: 30.08.2017 - 15:55

La notte tra il 30 e il 31 agosto 1997 lo schianto fatale a Parigi. Ma chi fu davvero la "principessa triste"? Intervista ad Antonio Caprarica, storico corrispondente RAI da Londra.

© Instagram

di Gino Driussi

 

Esattamente 20 anni fa, la notte fra il 30 e il 31 agosto 1997, moriva in un tragico incidente stradale nel tunnel dell’Alma, a Parigi, la principessa Diana, ex-moglie di Carlo d’Inghilterra. Insieme a Diana, che aveva 36 anni, persero la vita anche il suo compagno, l’imprenditore egiziano Dodi al-Fayed, e l’autista Henri Paul. Unico superstite fu la guardia del corpo di al-Fayed Trevor Rees-Jones.

In occasione del ventesimo anniversario della scomparsa di Lady Diana, il giornalista e saggista  Antonio Caprarica, per molti anni famoso e mitico corrispondente della RAI da Londra, ha pubblicato rcentemente, per le edizioni Sperling & Kupfer, un libro intitolato “L’ultima estate di Diana”. Lo abbiamo intervistato.

Antonio Caprarica, perché ha deciso di scrivere un libro su Lady Diana?

 Forse perché ho avvertito un debito personale nei suoi confronti  e mi è sembrato il tempo giusto per saldarlo, nel senso che nella “partita” tra Carlo e Diana  io sono sempre stato più “carlista” che “dianista”, tendendo a ridurre la misura e l’impatto della personalità di Diana  a quella di una donna piuttosto capricciosa  e manipolativa. 

Ora invece faccio il mio “mea culpa”  ricostruendo le ultime due settimane della vita di Diana in quello che non è una sua  biografia, ma un racconto. Ebbene, in questo brevissimo lasso di tempo mi è parso che Diana  avesse assunto  lo spessore e la forza di un personaggio letterario. E in questa trasformazione – naturalmente ai miei occhi -  è affiorato in me anche un interrogativo  su chi fosse veramente Diana. 

E a quali conclusioni è giunto?

Che è un enigma che rimane affidato al campo delle possibilità, delle teorie perché la morte ha interrotto quello che  a me è sembrato un processo di  sviluppo  e di liberazione di una donna che, dopo essere stata  per tutta la vita la figlia di qualcuno, la moglie di qualcuno, la madre di qualcuno, finalmente dopo il divorzio si è forse messa davanti allo specchio.

E si è chiesta seriamente “che cosa voglio fare di me, chi voglio essere, che cosa posso essere?”. In quelle ultime settimane della sua vita vediamo nascere una possibile diversa personalità, una donna che realizza quale impatto può avere il suo personaggio mediatico e decide di adoperare quell’impatto per un fine positivo, cioè per scopi umanitari. Naturalmente Diana è un essere umano, debole, fragile, confrontato con mille contraddizioni: un giorno la vediamo correre in Bosnia a sfidare le mine antiuomo e il giorno dopo  invece è a fare la gran dama della mondanità a Monte Carlo su uno yacht di 70 metri, apparentemente priva di qualsiasi preoccupazione o empatia verso gli altri. Invece no: la forza di Diana sta  proprio in questa profonda empatia  nei confronti del prossimo e mi chiedo – nel libro – che cosa  Diana sarebbe potuta diventare se la morte non avesse interrotto questo percorso.

Leggi l'intervista completa sul GdP di oggi

 

 

Mondo

Cittadinanza per l'eroe del Mali

Premiato l'uomo che si è arrampicato al quarto piano di un palazzo di Parigi per salvare un bambino.

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg