Home > Mondo

"Stanno rubando l'anima di Aleppo"

05.10.2016 - aggiornato: 05.10.2016 - 11:23

La testimonianza di padre Ibrahim e l’appello del Custode di Terra Santa e dei Frati minori. Chiedono all’ONU una zona di sicurezza.

© Foto Keystone/AP

di Maria Acqua Simi

 

Ieri, nel giorno dedicato a San Francesco, il Ministro generale dei Frati Minori, fra Michael Perry, e il Custode di Terra Santa, fra Francesco Patton, hanno deciso di pubblicare insieme un messaggio per la Siria. Grati a papa Francesco per la sua vicinanza costante al dramma del popolo siriano, si sono detti amareggiati dal fallimento degli sforzi di pace e dal prevalere della logica delle armi e della sopraffazione.

Proprio lunedì notte, infatti, la Casa Bianca ha annunciato la sospensione di ogni contatto bilaterale con la Russia, nell’ambito dei negoziati congiunti per trovare un’intesa che ponesse fine alla guerra. «La pazienza con i russi si è esaurita - ha scandito il portavoce della Casa Bianca Josh Earnest, accusando Mosca di complicità nella tragedia siriana -. Non c’è più nulla su cui parlare».

In questo clima negativo e dopo il fallimento della tregua di metà settembre, che ha tenuto pochissimo, i due frati hanno dunque lanciato un appello: «Chiediamo a tutte le forze in campo e a tutti coloro che hanno responsabilità politiche di mettere al primo posto il bene della popolazione inerme della Siria e in particolare della città di Aleppo, di far immediatamente tacere le armi e di porre fine all’odio e a qualsiasi tipo di violenza, in modo tale che si possa davvero trovare e percorrere la via della pace, della riconciliazione e del perdono». Alla comunità internazionale il Messaggio dei due superiori francescani chiede che «ci si adoperi concretamente per fare di Aleppo una zona di sicurezza, applicando le migliori soluzioni apprese in precedenti esperienze per garantire la massima collaborazione e la riuscita dell’iniziativa. Questa zona di sicurezza attorno ad Aleppo permetterebbe alla popolazione tutta, provata dalle immani conseguenze del conflitto, senza discriminazione alcuna, di poter ricevere i necessari aiuti umanitari, ritrovare sicurezza e protezione e riscoprire la fiducia e la speranza in un futuro immediato abitato e animato solamente dalla pace». Altre simili zone di sicurezza dovrebbero essere create in altre località siriane nella cornice di un piano volto alla pacificazione. Zone che potrebbero essere poste sotto il controllo di forze di pace munite di mandato del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. A tutti i Paesi e i Governi del mondo il Ministro generale e il Custode di Terra Santa chiedono così la maggior generosità possibile nell’accoglienza dei profughi siriani, pur nel rispetto delle leggi locali e nazionali, e nell’invio di aiuti umanitari.

La testimonianza

Ad Aleppo la situazione è insostenibile. I quartieri sono ormai campi di battaglia, cimiteri a cielo aperto.

La situazione è descritta bene da padre Ibrahim Alsabagh, parroco della chiesa di San Francesco: «Qui la guerra è ormai diventata la normalità, ma in questi giorni c’è stato un nuovo picco di violenze, mai visto prima. Viviamo costantemente sotto i bombardamenti: missili cadono ovunque nel nostro quartiere, non riusciamo a dormire la notte - io personalmente mi sono svegliato diverse volte anche questa notte -. Questa mattina (ieri, ndr) in una zona chiamata Midan - ormai punto di scontri fortissimi - decine di case sono crollate uccidendo chi le abitava. La gente soffre, tanti fuggono. Ma la piaga peggiore rimane la mancanza dell’acqua, anche nella parte ovest della città, dove vive la comunità cristiana: in questa zona di Aleppo (che è molto più grande della zona est di cui si occupano i grandi media in questi giorni: qui vivono un milione e 200mila abitanti, nella zona est sono 200mila) l’acqua non c’è più, la gente bussa alla porta del convento chiedendoci di poter attingere al nostro pozzo. Noi facciamo quel che possiamo. Non c’è più corrente elettrica, e questo rende la situazione difficile. Non ci sono medicine per il cancro e per le altre malattie croniche. Non abbiamo personale, non abbiamo medici specializzati se non pochissimi che non riescono ad aiutare tutta la gente. Due giorni fa è arrivato lo staff di UNICEF: con loro abbiamo condiviso tante fatiche e sofferenze. Loro cercano di intervenire anche nelle scuole: noi abbiamo condiviso quello che abbiamo fatto e quello che si dovrebbe fare. Però oltre all’UNICEF non abbiamo visto altre organizzazioni internazionali.

I medici senza frontiere operano nella parte est della città e non nella parte ovest. Abbiamo celebrato tanti funerali:  l’altro ieri è stata una giornata di sangue, perché della comunità cristiana sono morte sette persone. Gli uffici funebri non sono riusciti a seguire tutti i funerali per cui ne hanno dovuto rimandare alcuni il giorno dopo o l’altro ancora. Abbiamo tante persone ferite gravemente e tra di loro diversi bambini; l’altro ieri abbiamo avuto una decina di morti e una ventina di feriti. Non abbiamo ancora una statistica delle case che sono state distrutte completamente o parzialmente in questi ultimi giorni. A voi chiediamo di pregare per la pace, di sostenerci, e di domandare che la pace arrivi presto».

Mondo

Cittadinanza per l'eroe del Mali

Premiato l'uomo che si è arrampicato al quarto piano di un palazzo di Parigi per salvare un bambino.

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg