Home > Mondo

USA: dopo i missili, le sanzioni a Mosca

15.04.2018 - aggiornato: 15.04.2018 - 20:39

Donald Trump non si ferma, ed è pronto a varare nuove sanzioni contro la Russia, ritenuta "complice" del regime di Assad anche nell'uso delle armi chimiche.

© EPA/MIKE THEILER / POOL

Dopo i missili sulla Siria Donald Trump non si ferma, ed è pronto a varare nuove sanzioni contro la Russia, ritenuta "complice" del regime di Assad anche nell'uso delle armi chimiche. Una mossa destinata ad inasprire ancor di più i rapporti tra Washington e Mosca, mai caduti così in basso da decenni.

Con l'ipotesi di un faccia a faccia alla Casa Bianca tra il presidente americano e lo 'zar' del Cremlino Vladimir Putin che si allontana sempre di più, nonostante - dicono i ben informati - ci sia la volontà dei due leader. Si rafforza invece l'asse Mosca-Teheran, con una telefonata tra Putin e il presidente iraniano Hassan Rohani in cui si parla di rischio caos per i raid Usa definiti "illegali".

Il numero uno del Pentagono, il generale James Mattis, lo aveva detto chiaramente giorni fa davanti al Congresso: le opzioni per rispondere all'attacco chimico di Duma messe sul tavolo dello Studio Ovale sono tante e non solo militari, ma anche di tipo diplomatico ed economico. Ed ecco puntuali le nuove misure anticipate dall'ambasciatrice Usa all'Onu Nikki Haley in un'intervista alla Abc e che dovrebbero essere annunciate ufficialmente nelle prossime ore dal segretario al Tesoro Steve Mnuchin. 

Sanzioni, ha spiegato Haley, che andranno a colpire direttamente le società russe che hanno aiutato il governo siriano a realizzare e a dispiegare armi chimiche, fornendo anche attrezzature, tecnologie ed equipaggiamenti. Nel mirino dovrebbero esserci anche una serie di entità che a vario titolo hanno o hanno avuto a che fare con il programma di armi chimiche di Damasco.

La reazione di Mosca non si è fatta attendere: "Gli Usa vogliono punire la Russia per il semplice fatto di essere un attore globale", e per questo stanno varando altre sanzioni che "non hanno alcun collegamento con la realtà", ha affermato la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova in un'intervista sul primo canale della tv russa. Il tutto mentre il Parlamento di Mosca si appresta a varare a sua volta delle contro-sanzioni verso gli Stati Uniti, limitando le importazioni dagli Usa di alcol, tabacco, generi alimentari e vari prodotti agricoli.

Intanto, mentre Assad ricevendo una delegazione di politici russi irride l'Occidente sottolineando che i raid non avranno altro effetto che "unire la Siria", prosegue il braccio di ferro all'Onu, dove è pronta una nuova bozza di risoluzione preparata da Stati Uniti, Francia e Regno Unito. 

Il testo, che sarà presentato nelle prossime ore in Consiglio di sicurezza, prevede innanzitutto l'avvio di un'indagine indipendente sull'attacco di Duma, con gli ispettori dell'Opac che avranno 30 giorni di tempo per fare rapporto e segnalare se Damasco ha davvero detto la verità sul suo arsenale chimico. 

Sul fronte umanitario poi si chiede la possibilità di evacuare le popolazioni colpite dalla guerra civile per motivi sanitari e passaggi sicuri per i convogli di aiuti che dovranno essere autorizzati a raggiungere tutte le aree. La bozza domanda anche che venga finalmente attuata la risoluzione sul cessate il fuoco adottata a febbraio, e al governo di Assad di impegnarsi in colloqui di pace sotto l'egida delle Nazioni Unite "costruttivamente, in buona fede e senza precondizioni". Ma non è chiaro quando potrebbe arrivare al voto: secondo quanto riferito da fonti diplomatiche del Palazzo di Vetro, gli alleati sono pronti a dare tempo alle trattative per tentare di ottenere il via libera della Russia.

Dall'inizio del conflitto in Siria, infatti, Mosca ha usato il diritto di veto 12 volte, sei delle quali su risoluzioni inerenti le armi chimiche, paralizzando di fatto l'azione del Consiglio.

(Ats)

 

Mondo

Cittadinanza per l'eroe del Mali

Premiato l'uomo che si è arrampicato al quarto piano di un palazzo di Parigi per salvare un bambino.

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg