Home > Mondo

Prendere l'aereo è diventato più pericoloso, oggi?

30.07.2014 - aggiornato: 30.07.2014 - 14:52

Dopo i recenti disastri aerei, la domanda è d'obbligo. Ma gli analisti dicono di no. Statistiche alla mano.

                                                   di Maria Acqua Simi

 

Tre incidenti aerei in poco meno di una settimana: il volo della Malayasia Airlines abbattuto in Ucraina (298 morti), quello schiantatosi a Taiwan (48 morti) e infine l’aereo della Air Algérie schiantatosi in Mali giovedì scorso, con 119 persone a bordo (tra cui una studentessa svizzera) e nessun sopravvissuto. E poi la fine misteriosa del volo 370 - sempre della Malaysia  Airilines - scomparso mentre sorvolava l’Oceano Indiano nel marzo scorso. A bordo c’erano 239 persone e di nessuna di loro si è più avuto notizia. Viene da chiedersi se - statisticamente - volare nei nostri cieli non sia diventato più pericoloso di un tempo. Gli esperti - come ha spiegato bene un servizio della ‘‘CNN’’ - dicono di no, di non essere nervosi. Perché se è vero che nel 2014 ci sono stati 764 morti in 12 incidenti di voli commerciali o turistici, l’anno scorso le vittime sono state 265, l’anno più sicuro nel mondo dell’aviazione dal 1945. Rudy Quevedo, direttore della Washington’s Flight Safety Foundation, ha spiegato ieri che - se si escludono gli attentati dell’11 settembre 2001, la caduta di tre aerei in tempi così ristretti è assolutamente senza precedenti e un caso rarissimo. «Chiaramente, più grosso è un aereo più vite umane si possono perdere», ha spiegato Quevedo. L’anno peggiore mai registrato, ricorda l’esperto, fu il 1972 quando vi furono 55 incidenti per un totale di 2.429 morti e anche il 1977 fu abbastanza disastroso: vi furono 1.534 morti, di cui 583 causati dalla più grossa collisione della storia, quando due Boeing 747 si scontrarono nei cieli sopra l’isola spagnola di Tenerife.

Ma gli ultimi decenni hanno dimostrato un calo continuo di incidenti mortali nel complesso. «Quello dell’aviazione mondiale è un sistema perfettamente sicuro: è una tragedia sfortunata quella dei tre voli caduti a pochi giorni l’uno dall’altro. Ma statisticamente adesso potremmo anche non avere simili incidenti per due o tre anni». Come lavorano i numeri, per rassicurarci? «Ogni anno vengono monitorate in tutto il mondo le partenze dei voli commerciali. Poi si dividono con il numero di incidenti annuali: abbiamo così il tasso di incidenti aerei. Lo scorso anno era dello 0,24% su un milione di partenze. Significa meno di un incidente ogni milione di voli». Gli fa eco Andrew Charlton, amministratore delegato di Advocacy Aviation, una società di consulenza strategica svizzera, che chiosa: «L’unica cosa veramente pericolosa della partenza in un volo aereo, è guidare verso l’aeroporto...».

Certo, conclude Quevedo, non è possibile azzerare in assoluto gli incidenti. Un rischio ci sarà sempre. «Ma chi come noi lavora per la sicurezza sa che ogni cosa può essere migliorata. Oggi abbiamo tecnologie incredibili, migliori comunicazioni, con allarmi in cabina di pilotaggio che avvisano i piloti del traffico aereo in senso contrario o quanto i loro aerei si stiano avvicinando alla terra ferma. La tecnologia ha salvato molte più vite umane di quante possiamo immaginare». L’errore umano è sempre possibile, certo. E ovviamente non aiutano le guerre di questi mesi. Le zone di guerra capaci di minacciare le aerovie del trasporto civile sono ormai numerose. Proprio per questo, i comandanti che si accingono a compiere lunghe tratte che impongono il sorvolo di aree interessate da conflitti, stanno bene attenti a leggere tutti i Notam (divieti di sorvolo ndr) regolarmente diramati dai controllori di volo dei Paesi che si andranno a sorvolare, o dalle agenzie internazionali. Il volo MH17 della Malaysia Airlines ha seguito ad esempio un piano di volo pericoloso. Ma la responsabilità non sembra essere del comandante del Boeing 777 o della compagnia. Nessun Notam venne  emesso da enti di controllo del traffico aereo ucraino o russo. Né tanto meno da parte dell’ICAO (l’agenzia ONU che presiede il traffico aereo mondiale), o da altri organismi internazionali, che intervengono in assenza di agenzie nazionali. La domanda è però d’obbligo: si potevano percorrere altre rotte? E la risposta è sì. Solo che sarebbero state più costose.

 

Mondo

Charlotte e George paggetti alle nozze reali

I figli del principe William e Kate affiancheranno il principe Harry e Meghan nella cerimonia del loro matrimonio sabato 19 maggio. Con loro altre 5 damigelle e 3 paggi.

Mondo

Dopo 139 anni, inviato l'ultimo telegramma

In Francia Orange ha messo fine a questo servizio di comunicazione, ormai superato dall'arrivo delle nuove tecnologie. Nel mese di aprile ne sono stati inviati 1'382. …

Mondo

Morto il ragno più anziano al mondo

Si tratta di una femmina di Gaius villous, di ben 43 anni, scoperta nel 1974 nell'Australia sud-occidentale. L'esemplare è morto... per una puntura di vespa.

Mondo

Svelato il nome del terzo royal baby

Louis Arthur Charles. È questo il nome del terzo figlio di William e Kate nato il 23 aprile. Da oggi ha dunque il titolo di  "Sua Altezza Reale il …

Mondo

L'isola che chiude per rifarsi il lifting

Da oggi la famosa isola di Boracay non sarà più accessibile ai turisti per 6 mesi, durante i quali si aggiusteranno le infrastrutture e soprattutto il sistema …

Mondo

Dopo 30 anni rispunta un Chagall rubato

Il dipinto "Otello e Desdemona" del 1911 era stato sottratto nel 1988 dalla casa di una coppia di New York; ora è stato recuperato grazie alle indicazioni …

Mondo

Svezia o Svizzera? Anche i grandi sbagliano

Al debutto dell'azienda svedese Spotify in borsa, sulla sede di New York è stata erroneamente issata la bandiera svizzera. Errore che non è passato …

Mondo

Il deserto del Sahara avanza

La superficie dell'area desertica è aumentata del 10% negli ultimi 100 anni. Ma potrebbe non essere l'unico.

Mondo

Turismo incivile a Venezia

Sarebbero svizzeri i due turisti che hanno ballato nudi nel campo di San Giacometto. Il gesto dei due giovani in preda ai fumi dell'alcol è stato filmato e …

Mondo

Stazione spaziale cinese disintegrata

Una palla di fuoco nella notte e il satellite di Pechino s'è distrutto durante il rientro. Allarme rientrato, i frammenti sono caduti nel Pacifico

Mondo

Addio a Linda Brown, la paladina dei diritti

Si è spenta in Kansan a 76 anni. Nel 1954 il suo caso portò a una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti che abolì la segregazione razziale nelle …

Mondo

Il più giovane capo al mondo è a San Marino

Dal 1. aprile la Repubblica di San Marino viene guidata, come Capitano Reggente, da un ragazzo di 27 anni, Matteo Ciacci, nato il 5 maggio del 1990. 

Mondo

Addio a Sudan, la sua specie è ora a rischio

(LE FOTO) È morto l'ultimo rinoceronte bianco settentrionale maschio, che viveva nella riserva di Ol Pejeta Conservancy in Kenya; ora rimangono solo due femmine …

Mondo

Acqua alta da record a Venezia

La punta massima di marea sul medio mare ha raggiunto i 110 cm: un'altezza non usuale in questo periodo dell'anno. 

Mondo

Addio a Hubert de Givenchy

Il celebre stilista, mito della Haute Couture, si è spento a 91 anni. È noto per aver lanciato l'omonima maison e aver vestito attrici come Audrey Hepburn.

Mondo

Asta da record per la "musa d'oro" di Picasso

Il quadro "Femme au béret età la robe quadrillée", ispirato a Marie-Thérèse Walter, è stato battuto a Sothebys's per …

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg