Home > Svizzera

Temete un sequestro? Assicuratevi

13.10.2014 - aggiornato: 13.10.2014 - 17:12

Si chiamano "Kidnap and ransom" e sono delle formule che offrono alcune assicurazioni: ti pagano il riscatto ed eventualmente mandano pure delle teste di cuoio "private" per salvarti.

Quando criminali e gruppi terroristici prendono ostaggi lo sguardo viene normalmente rivolto ai governi dei paesi d'origine. Pochi sanno infatti che anche società di sicurezza private risolvono simili casi e se necessario pagano riscatti, a patto che la vittima abbia concluso un'assicurazione contro i rapimenti.

Il sequestro di persone con lo scopo di ottenere un riscatto (Kidnap for Ransom) è molto in voga di questi tempi. Con la paura aumenta anche l'interesse per soluzioni assicurative del genere. In caso di necessità l'assicurazione si rivolge a una società di consulenza per situazioni di crisi, che si occupa della liberazione e del rientro dell'ostaggio senza l'aiuto dello Stato.

L'assicurazione paga la società di consulenza e le restituisce i costi sostenuti, ad esempio per assistenza medica e psicologica e spese di viaggio. Ma la cosa interessante è che anche i riscatti vengono rimborsati - un fatto esplicitamente menzionato negli opuscoli e nelle polizze. La Hiscox promette per esempio "il risarcimento del denaro di riscatto consegnato, anche qualora venga perso durante il trasporto".

I maggiori offerenti di cosiddette assicurazioni "Kidnap and Ransom" (K&R) hanno sede laddove i governi si oppongono con veemenza al pagamento di un riscatto, vale a dire nei paesi anglosassoni. Si tratta tra gli altri della britannica Hiscox e delle americane A.I.G. e Chubb.

Il volume globale del mercato è stimato a 250 milioni di dollari, scrive la rivista "Schweizer Versicherung" basandosi su analisti di Morgan Stanley. Altre stime riferiscono di un volume dei premi di circa 300 milioni di dollari all'anno.

Anche in Svizzera ci si può assicurare

Anche in Svizzera, i cui cittadini sono più spesso vittime di sequestri all'estero rispetto alla media, vengono però offerte assicurazioni contro i rapimenti.
"Siamo confrontati a una domanda crescente, soprattutto da parte di piccole e medie imprese orientate all'esportazione. Queste si occupano intensamente del rischio di sequestro e ricatto", riferisce AGCS, l'assicurazione speciale della Allianz. Nella Confederazione le polizze in questione vengono offerte dal 2010.

Non ci sono tuttavia informazioni precise su simili assicurazioni, in quanto si tratta di un prodotto di nicchia che non viene rilevato separatamente, spiega l'Associazione svizzera d'assicurazioni (ASA). Inoltre è un ambito di cui non si parla. Le polizze sono spesso molto estese e frequentemente coprono anche i partner, figli e ospiti dei dipendenti assicurati.

Per non alimentare ulteriormente l'"appetito" dei sequestratori ed evitare un eventuale abuso, le assicurazioni prestano attenzione al fatto che siano al corrente meno persone possibile. In genere non lo sono nemmeno gli stessi assicurati.
"La maggior parte dei rapimenti a livello mondiale - almeno il 75%, forse anche più - vengono conclusi con successo attraverso il pagamento di un riscatto", spiega Jack Cloonan, ex agente dell'FBI e attuale direttore della divisione per i rischi speciali presso la società di sicurezza britannica red24, che collabora con diversi assicuratori. Anche quando i sequestratori ambiscono in prima linea a qualcosa d'altro, come la liberazione di prigionieri, si può giungere a un accordo finanziario.

Per Cloonan è assolutamente impossibile fornire cifre sul numero di rapimenti, anche perché le aziende o i privati spesso non denunciano il fatto alle autorità. Stime parlano comunque di 30-40'000 casi all'anno.
L'azione delle assicurazioni risulta tuttavia in contraddizione con la politica ufficiale di molti governi occidentali, che considerano il pagamento di riscatti uno dei più importanti metodi di finanziamento del terrorismo. "Il Consiglio federale persegue una chiara politica di non pagamento di riscatti e s'impegna a livello internazionale in questo senso", viene indicato presso il Dipartimento federale degli affari esteri.

In gennaio il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha dedicato alla questione un'apposita risoluzione (nr. 2133), la quale chiede che non vengano più pagati riscatti alle organizzazioni terroristiche. Il Consiglio invita anche "i partner del settore privato" a rinunciarvi. Il documento non ha tuttavia carattere vincolante.

(ATS)

 

Svizzera

IKEA ritira la bicicletta SLADDA

Sono infatti giunte all'azienda 11 segnalazioni di incidenti, dovuti a problemi alla catena che rischia di rompersi, che in due casi hanno causato lesioni lievi.

Svizzera

Migros ritira il filetto di salmone "Norway"

Una partita del prodotto reca date di vendita e scadenza errate, ossia più lunghe di un mese. I clienti possono riportarlo in una filiale ed essere rimborsate.

Svizzera

Burgdorf città più "ciclofila" della Svizzera

Il borgo del canton Berna rimane la città più favorevole alla bicicletta, davanti a Coira e a Winterthur. Tra le località in classifica non ci sono …

Svizzera

Passato il tunnel, ecco il nuovo ristorante

Dopo nove mesi di lavori di costruzione, a inizio maggio apre i battenti il nuovo imponente stabile dell'area di servizio San Gottardo in direzione sud, nel Canton Uri.

Svizzera

Tre cuccioli a sorpresa a Gossau

Nella notte tra lunedì e martedì sono nate tre tigri siberiane presso lo zoo sangallese; non si era certi della gravidanza della mamma Julinka.

Svizzera

A 209 km/h per vedere la partita

L'automobilista è stato fermato dalla polizia lucernese in autostrada dove il limite di velocità è di 120 km/h. Ritirata la patente e confiscato il …

Svizzera

La verdura preferita è la carota

In Svizzera ne vengono infatti consumate 7,91 chilogrammi pro capite all'anno. Al secondo posto si piazzano i pomodori, con 6,61 chili a persona. Al terzo i peperoni. …

Svizzera

Record di cicogne in Svizzera

Sono oltre 1000 gli esemplari nel nostro Paese. Una ricerca ha evidenziato che questi uccelli siano diventati più sedentari, molti infatti non migrano più in …

Svizzera

Sfrecciava a 109 km/h sui 50

Il pirata della strada, un 52enne svizzero, è stato pizzicato dal radar su una strada di Oensingen (SO), lungo la quale si trova una scuola di livello secondario.

Svizzera

A 87 anni torna in piazza a manifestare

(LE FOTO) Un anno dopo aver protestato contro le armi imbrattando dei pannelli davanti alla BNS di Berna, oggi l'attivista Louise Schneider ha fatto ancora parlare di …

Svizzera

Tenta di uscire dalla finestra, ma cade

È successo a Samedan, nel Grigioni, a un 27enne somalo che aveva pernottato da un collega, che però è uscito di casa prima, chiudendo la porta a chiave.

Svizzera

Primavera sinonimo di... allergie

Il polline delle betulle, fortemente allergizzante, inizia ora a essere nell'aria e vi rimarrà fino a maggio. La stagione inizia in Ticino, dove è …

Svizzera

Sdoganare con un semplice "click"

Grazie all'applicazione QuickZoll, da Pasqua i viaggiatori potranno dichiarare le proprie merci in maniera autonoma, digitale e indipendente dal luogo in cui si trovano.

Svizzera

In quale città si vive meglio?

Secondo un'indagine di Mercer Quality of Living, Vienna si piazza per il nono anno consecutivo al primo posto. Al secondo invece Zurigo.

Svizzera

Una App di FFS per segnalare i disagi

Dopo un periodo di prova, l'ex regia federale ha lanciato un'applicazione che permette di comunicare, in modo rapido, difetti e sporcizia sui treni o nelle stazioni.

Svizzera

La fontana Tinguely non ha retto al ghiaccio

L'opera di metallo dell'artista friburghese, ideata nel 1984 in onore del pilota svizzero Jo Siffert, dovrebbe essere riparata entro metà aprile.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg