Home > Svizzera

Anche il PLR si oppone alla "No Billag"

13.01.2018 - aggiornato: 13.01.2018 - 21:07

Riunito in assemblea a Bienne, il partito raccomanda di respingere il testo in votazione il 4 marzo. La presidente Gössi: "La soluzione proposta non è adeguata".

La presidente del PLR svizzero Petra Gössi.

© KEYSTONE/Peter Klaunzer

Riunito in assemblea a Bienne (BE), il PLR raccomanda di respingere l'iniziativa popolare "No Billag" in votazione il prossimo 4 marzo. La decisione è stata presa con 204 voti contro 82 e 12 astenuti. Il testo chiede la soppressione del canone radiotelevisivo.

Dalla discussione sull'iniziativa popolare è nato un acceso dibattito sul ruolo e l'importanza dei media di servizio pubblico in Svizzera. Invitato ad esprimersi, il responsabile della campagna in Romandia del comitato favorevole a "No Billag", Nicolas Jutzet, ha dichiarato che occorre pagare per quel che si consuma. "Il sistema di riscossione attuale priva il cittadino della libertà di scelta", ha aggiunto il neocastellano. Dal canto suo, la consigliera nazionale Christa Markwalder (PLR/BE) ha sottolineato come l'iniziativa sia troppo radicale e libertaria. "Se il canone provoca il mal di testa, occorre curarlo con un'aspirina non con la ghigliottina", ha metaforicamente affermato la bernese, ribadendo uno slogan già usato dal comitato contrario a "No Billag".

Prima del voto dei delegati, anche la presidente del PLR Petra Gössi ha annunciato che avrebbe votato contro l'iniziativa popolare. Secondo la Gössi, la qualità dei media è molto elevata e non dipende dalla sorte dell'iniziativa "Sì all'abolizione del canone radiotelevisivo (Abolizione del canone Billag)". "Ma mi oppongo al testo, poiché la soluzione proposta non è a mio parere adeguata", ha dichiarato, precisando che la Svizzera ha bisogno di adattamenti e non di rivoluzioni.

Paesaggio mediatico

La consigliera nazionale svittese ritiene essenziale per la democrazia il fatto di avere un giornalismo indipendente e di grande qualità. "Anche se non sono sempre d'accordo con i giornalisti e i commentatori, rispetto e apprezzo il loro lavoro e l'importante contributo dei media al funzionamento della nostra democrazia".

A questo proposito l'assemblea ha approvato - con 275 voti contro 7 e 11 astenuti - un documento intitolato "Maggior mercato nel paesaggio mediatico svizzero". In esso vengono formulate delle proposte di riforma dei media elvetici in un mercato contraddistinto dal calo degli introiti pubblicitari e dalle nuove abitudini di consumo. Il comitato direttivo del PLR auspica per esempio miglioramenti nella procedura di attribuzione delle concessioni, una riduzione della regolamentazione per i media privati e un uso più efficiente degli introiti del canone. Tuttavia si oppone a un sostegno ai media online.

Attacchi a consiglieri federali

Davanti ai 320 delegati, la presidente del PLR svizzero ha inoltre difeso il lavoro dei suoi consiglieri federali. A suo avviso, gli attacchi subiti indeboliscono la posizione dell'intero governo nelle sue trattative con Bruxelles. Senza mai citarlo esplicitamente, la Gössi se l'è presa con il presidente del PS Christian Levrat: "il populismo dei socialisti non ci consente di avanzare", ha dichiarato accusandoli di non rispettare il lavoro dei consiglieri federali.

La presidente del PLR ha sottolineato come il suo partito non accetterà mai che si denigrino i membri del governo. Secondo la Gössi, è più facile attaccare persone e istituzioni che formulare proposte. Suscitando gli applausi del pubblico, la consigliera nazionale svittese ha fatto allusione alle recenti dichiarazioni giudicate "assolutamente irrispettose" del presidente del Partito socialista. Christian Levrat aveva accusato a fine dicembre il Consiglio federale di voler adottare un comportamento controproducente nella politica europea, criticando in particolare il nuovo capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) Ignazio Cassis.
Politica europea

Secondo la Gössi, è proprio nella politica europea che la Svizzera dovrebbe far fronte comune. La presidente del PLR ritiene che occorra un piano congiunto e un'unità di intenti tra Governo, Parlamento, economia e cittadini anziché piccoli litigi interni. "La Svizzera deve essere unita ed elaborare proposte costruttive".
"Ciò che vogliamo, è avanzare. La nostra road-map è pronta: tra due settimane nel corso di un seminario con il gruppo parlamentare, discuteremo intensamente di Europa", ha rilevato la Gössi. Le proposte che scaturiranno da questo incontro saranno poi presentate all'assemblea dei delegati in programma in giugno.

Infine, prendendo la parola, il consigliere federale Johann Schneider-Ammann ha definito una "chance" per la Svizzera la partecipazione del presidente americano Donald Trump al Forum economico mondiale (WEF) di Davos (GR).

(Ats)

Svizzera

Un morto per una manovra azzardata

L'incidente, avvenuto a Oberglatt (ZH), ha coinvolto due auto che si sarebbero sorpassate più volte. Una di esse è poi uscita di strada e l'autista …

Svizzera

Un sorriso per riflettere sulle... uguaglianze

(IL VIDEO) La nuova campagna di Pro Infirmis "Siamo tutti uguali. Nessuno è più uguale" mostra situazioni imbarazzanti in cui proprio tutti siamo gi …

Svizzera

IKEA ritira la bicicletta SLADDA

Sono infatti giunte all'azienda 11 segnalazioni di incidenti, dovuti a problemi alla catena che rischia di rompersi, che in due casi hanno causato lesioni lievi.

Svizzera

Migros ritira il filetto di salmone "Norway"

Una partita del prodotto reca date di vendita e scadenza errate, ossia più lunghe di un mese. I clienti possono riportarlo in una filiale ed essere rimborsate.

Svizzera

Burgdorf città più "ciclofila" della Svizzera

Il borgo del canton Berna rimane la città più favorevole alla bicicletta, davanti a Coira e a Winterthur. Tra le località in classifica non ci sono …

Svizzera

Passato il tunnel, ecco il nuovo ristorante

Dopo nove mesi di lavori di costruzione, a inizio maggio apre i battenti il nuovo imponente stabile dell'area di servizio San Gottardo in direzione sud, nel Canton Uri.

Svizzera

Tre cuccioli a sorpresa a Gossau

Nella notte tra lunedì e martedì sono nate tre tigri siberiane presso lo zoo sangallese; non si era certi della gravidanza della mamma Julinka.

Svizzera

A 209 km/h per vedere la partita

L'automobilista è stato fermato dalla polizia lucernese in autostrada dove il limite di velocità è di 120 km/h. Ritirata la patente e confiscato il …

Svizzera

La verdura preferita è la carota

In Svizzera ne vengono infatti consumate 7,91 chilogrammi pro capite all'anno. Al secondo posto si piazzano i pomodori, con 6,61 chili a persona. Al terzo i peperoni. …

Svizzera

Record di cicogne in Svizzera

Sono oltre 1000 gli esemplari nel nostro Paese. Una ricerca ha evidenziato che questi uccelli siano diventati più sedentari, molti infatti non migrano più in …

Svizzera

Sfrecciava a 109 km/h sui 50

Il pirata della strada, un 52enne svizzero, è stato pizzicato dal radar su una strada di Oensingen (SO), lungo la quale si trova una scuola di livello secondario.

Svizzera

A 87 anni torna in piazza a manifestare

(LE FOTO) Un anno dopo aver protestato contro le armi imbrattando dei pannelli davanti alla BNS di Berna, oggi l'attivista Louise Schneider ha fatto ancora parlare di …

Svizzera

Tenta di uscire dalla finestra, ma cade

È successo a Samedan, nel Grigioni, a un 27enne somalo che aveva pernottato da un collega, che però è uscito di casa prima, chiudendo la porta a chiave.

Svizzera

Primavera sinonimo di... allergie

Il polline delle betulle, fortemente allergizzante, inizia ora a essere nell'aria e vi rimarrà fino a maggio. La stagione inizia in Ticino, dove è …

Svizzera

Sdoganare con un semplice "click"

Grazie all'applicazione QuickZoll, da Pasqua i viaggiatori potranno dichiarare le proprie merci in maniera autonoma, digitale e indipendente dal luogo in cui si trovano.

Svizzera

In quale città si vive meglio?

Secondo un'indagine di Mercer Quality of Living, Vienna si piazza per il nono anno consecutivo al primo posto. Al secondo invece Zurigo.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg