Home > Svizzera

ATS: falliti i negoziati tra dipendenti e CdA

19.02.2018 - aggiornato: 19.02.2018 - 17:26

Un ultimo round di negoziati tra le parti si è svolto stamane, ma non è stato possibile superare le divergenze sulla ristrutturazione, che prevede la soppressione di 35,6 impieghi.

© KEYSTONE/Jean-Christophe Bott

Sono falliti i negoziati tra il personale e il consiglio d'amministrazione (cda) dell'Agenzia telegrafica svizzera (Ats). Erano stati avviati la settimana scorsa, dopo uno sciopero di quattro giorni seguito in modo compatto dai giornalisti dell'agenzia di stampa nazionale tra fine gennaio e inizio febbraio. Dopo quattro incontri tra delegazioni del cda e della Commissione di redazione (CoRe) dell'Ats, in particolare sulla questione del piano sociale, la palla potrebbe ora passare all'organo di conciliazione della Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

Un ultimo round di negoziati tra le parti sociali si è svolto stamane, ma non è stato possibile superare le divergenze sulla ristrutturazione, che prevede la soppressione di 35,6 posti di giornalisti a tempo pieno su 150, tra licenziamenti e riduzioni del tempo di lavoro.

In un comunicato, il cda afferma di aver previsto un piano sociale "generoso", che è stato ancora "nettamente migliorato durante i negoziati". Esso aggiunge di aver pure incluso "buone soluzioni" per i 12 dipendenti per i quali è stato disposto il "pensionamento anticipato" (in realtà si tratta di licenziamenti e messa in disoccupazione, alleviati dal suddetto piano sociale) e per gli otto "licenziati senza soluzione di continuità". Il cda rileva che il piano sociale "raggiunge ormai i 2,5 milioni di franchi" e che è stato evocato nelle trattative un fondo di 100'000 franchi per i "casi di rigore", ossia per le persone nelle condizioni più precarie.

Il consiglio d'amministrazione rammenta di aver già deciso venerdì di ricorrere alla conciliazione della SECO. Con questo ricorso - sostiene - "una ripresa dello sciopero - movimento che è stato sospeso - è vietato. Con questo passo presso la SECO, la pace del lavoro deve infatti essere rispettata". A questo proposito, la "Legge federale concernente l'Ufficio federale di conciliazione incaricato di comporre i conflitti del lavoro" precisa che tale ufficio "è istituito soltanto a richiesta degli interessati" (art. 1,3) e aggiunge (art. 6,1): "L'obbligo di mantenere la pace nasce nel momento in cui l'istituzione dell'Ufficio di conciliazione o dell'Ufficio d'arbitrato è comunicata alle parti e dura quarantacinque giorni".

Il sindacato dei media Syndicom e l'associazione nazionale dei giornalisti Impressum, che hanno preso parte ai negoziati, scrivono in una nota che il cda non ha tenuto conto delle più importanti rivendicazioni della redazione e rileva che esso si è rivolto "in modo unilaterale" all'Ufficio federale di conciliazione.

Una conciliazione tramite la SECO - aggiunge il comunicato - "può funzionare solo se la sospensione dei licenziamenti è mantenuta". "Tocca ora alla redazione - prosegue la nota - "giudicare se vuole o no una mediazione esterna e decidere del seguito della sua azione. Un'assemblea di redazione si terrà prossimamente a questo scopo".

Le rivendicazioni portate avanti dalla CoRe, riassunte nel comunicato, rimangono queste: una riduzione delle misure di ristrutturazione "basata su una strategia redazionale sviluppata congiuntamente"; la sospensione di tali misure e di tutti i licenziamenti fino a quando non vi sarà una strategia redazionale; un piano sociale che offra "condizioni eque in particolare alle persone vicine al pensionamento"; il riconoscimento del carattere di servizio pubblico, "che deve continuare a figurare nelle linee direttive dell'agenzia" e la copertura "attraverso le riserve dell’Ats (oltre 16 milioni)" del deficit, "causato dalla pressione sui prezzi degli editori" che sono anche proprietari dell’Ats oltre ad esserne i clienti.

(Ats)

Svizzera

Un morto per una manovra azzardata

L'incidente, avvenuto a Oberglatt (ZH), ha coinvolto due auto che si sarebbero sorpassate più volte. Una di esse è poi uscita di strada e l'autista …

Svizzera

Un sorriso per riflettere sulle... uguaglianze

(IL VIDEO) La nuova campagna di Pro Infirmis "Siamo tutti uguali. Nessuno è più uguale" mostra situazioni imbarazzanti in cui proprio tutti siamo gi …

Svizzera

IKEA ritira la bicicletta SLADDA

Sono infatti giunte all'azienda 11 segnalazioni di incidenti, dovuti a problemi alla catena che rischia di rompersi, che in due casi hanno causato lesioni lievi.

Svizzera

Migros ritira il filetto di salmone "Norway"

Una partita del prodotto reca date di vendita e scadenza errate, ossia più lunghe di un mese. I clienti possono riportarlo in una filiale ed essere rimborsate.

Svizzera

Burgdorf città più "ciclofila" della Svizzera

Il borgo del canton Berna rimane la città più favorevole alla bicicletta, davanti a Coira e a Winterthur. Tra le località in classifica non ci sono …

Svizzera

Passato il tunnel, ecco il nuovo ristorante

Dopo nove mesi di lavori di costruzione, a inizio maggio apre i battenti il nuovo imponente stabile dell'area di servizio San Gottardo in direzione sud, nel Canton Uri.

Svizzera

Tre cuccioli a sorpresa a Gossau

Nella notte tra lunedì e martedì sono nate tre tigri siberiane presso lo zoo sangallese; non si era certi della gravidanza della mamma Julinka.

Svizzera

A 209 km/h per vedere la partita

L'automobilista è stato fermato dalla polizia lucernese in autostrada dove il limite di velocità è di 120 km/h. Ritirata la patente e confiscato il …

Svizzera

La verdura preferita è la carota

In Svizzera ne vengono infatti consumate 7,91 chilogrammi pro capite all'anno. Al secondo posto si piazzano i pomodori, con 6,61 chili a persona. Al terzo i peperoni. …

Svizzera

Record di cicogne in Svizzera

Sono oltre 1000 gli esemplari nel nostro Paese. Una ricerca ha evidenziato che questi uccelli siano diventati più sedentari, molti infatti non migrano più in …

Svizzera

Sfrecciava a 109 km/h sui 50

Il pirata della strada, un 52enne svizzero, è stato pizzicato dal radar su una strada di Oensingen (SO), lungo la quale si trova una scuola di livello secondario.

Svizzera

A 87 anni torna in piazza a manifestare

(LE FOTO) Un anno dopo aver protestato contro le armi imbrattando dei pannelli davanti alla BNS di Berna, oggi l'attivista Louise Schneider ha fatto ancora parlare di …

Svizzera

Tenta di uscire dalla finestra, ma cade

È successo a Samedan, nel Grigioni, a un 27enne somalo che aveva pernottato da un collega, che però è uscito di casa prima, chiudendo la porta a chiave.

Svizzera

Primavera sinonimo di... allergie

Il polline delle betulle, fortemente allergizzante, inizia ora a essere nell'aria e vi rimarrà fino a maggio. La stagione inizia in Ticino, dove è …

Svizzera

Sdoganare con un semplice "click"

Grazie all'applicazione QuickZoll, da Pasqua i viaggiatori potranno dichiarare le proprie merci in maniera autonoma, digitale e indipendente dal luogo in cui si trovano.

Svizzera

In quale città si vive meglio?

Secondo un'indagine di Mercer Quality of Living, Vienna si piazza per il nono anno consecutivo al primo posto. Al secondo invece Zurigo.

Accesso e-GdP

banner_cannes3.jpg

banner_passione_calcio.jpg

Banner - Spot GdP 2018

banner_reportage_siria.jpg

banner_arte-e-cultura.jpg

banner_alberghi_albergatori.jpg

Ieri nel mondo

catt-ch2.jpg

Il sito ufficiale della Diocesi diLugano

banner_caritas_ticino.jpg